Un progetto di ricerca congiunto tra l’Aerosol Physics Laboratory dell’Università di Tampere (Finlandia) e Agco Power Oy, lanciato all’inizio del 2024, genererà dati di ricerca unici a livello mondiale sulle emissioni in atmosfera e sul modo in cui l’elettrificazione dei macchinari off-road influiscono su di esse.

Poiché abbiamo molte competenze per condurre ricerche articolate e dettagliate sulle emissioni atmosferiche dei motori, questo studio avrà anche un’importanza globale”, afferma Topi Rönkkö, professore di fisica degli aerosol all’Università di Tampere.

Lo studio indaga l’impatto dell’elettrificazione sulle emissioni in atmosfera delle macchine off-road

Gli aerosol atmosferici sono costituiti da particelle fini, inferiori a un centesimo di millimetro di diametro, che non solo influiscono istantaneamente sulla qualità dell’aria, ma influenzano anche il clima in molti modi diversi. Diversi tipi di particolato fine possono, ad esempio, assorbire la radiazione termica del sole, modificare il corso della luce solare e fungere da nuclei di condensazione per le goccioline delle nuvole. Ottenere maggiori dati di ricerca sugli aerosol è essenziale per comprendere l’importanza dei loro effetti climatici.

Lo studio mira a chiarire in che modo i motori off-road e i diversi tipi di carburante utilizzati in tali motori influiscono sulle emissioni di aerosol dei macchinari. Verranno effettuate misurazioni per studiare in che modo l’assistenza elettrica dei motori a combustione nelle macchine off-road influisce sulle emissioni. Verranno inoltre condotti studi di impatto sui carburanti diesel alternativi da fonti rinnovabili.

I risultati della ricerca chiariranno le caratteristiche e la quantità delle emissioni totali di aerosol, nonché il modo in cui le diverse fonti di energia influiscono su tali emissioni”, afferma Kimmo Korhonen, ricercatore post-dottorato presso l’Università di Tampere.

Lo sviluppo sostenibile dei prodotti per le macchine off-road è più impegnativo di quello delle autovetture

La presenza delle auto elettriche nel traffico stradale è aumentata notevolmente. L’aumento è stato più lento per le macchine off-road, poiché la dimensione massima delle macchine da lavoro completamente elettrificate è limitata dalla capacità di potenza offerta dall’attuale tecnologia delle batterie.

Esistono molte opzioni diverse su come ridurre al minimo gli effetti climatici delle macchine off-road, a seconda delle esigenze del cliente in termini di usabilità. Oltre alle batterie elettriche, lo stabilimento di motori di Agco Power a Linnavuori sta sviluppando, ad esempio, l’uso di idrogeno, metanolo e metano come fonti di energia. Il nostro obiettivo è affrontare la sfida climatica sviluppando e producendo motori che rendano le macchine da lavoro il più rispettose possibile dell’ambiente. Questo progetto ci sta portando verso un futuro più verde”, afferma Kari Aaltonen, direttore della progettazione presso Agco Power.

La collaborazione tra l’università e Agco Power ha una tradizione di lunga data

La collaborazione tra l’Università di Tampere e Agco Power ha una tradizione di lunga data. Poiché una delle unità di sviluppo prodotto di Agco Power è situata nel campus Hervanta dell’Università di Tampere, lavorare in squadra è naturale. I motori diesel vengono testati a Hervanta, utilizzando fonti di energia di Linnavuori e una piattaforma di test sviluppata da Agco Power.

Abbiamo sviluppato il nostro ambiente di ricerca per testare i propulsori ibridi di serie perché era chiaramente necessario. Oltre alla ricerca propria di AGCO Power, la piattaforma di test può essere utilizzata anche per progetti universitari e scopi didattici”, afferma Jouko Järvinen, responsabile R & AE di Agco Power.

Leggi anche: Agco Power: Duray e Tuorila su alternativi, rigenerazione e altro ancora

In primo piano

Articoli correlati

Pitteri Violini: il menù è completo con Kioti Daedong

Mancava un tassello, per definire il mosaico degli endotermici di Pitteri Violini. È arrivato, si chiama Kioti Daedong. Dopo l’accordo con JCB Power Systems, l’azienda coreana si somma al contributo di Isuzu e dei britannici. L’azienda di Baranzate è così in grado di integrare un’offerta equilibrata...

SAIM Industrial: un motore Kubota per la cuneese Black Shire

SAIM Industrial ha annunciato la collaborazione con Black Shire, giovane azienda del cuneese, per un nuovo cingolato compatto autonomo e controllabile da remoto, il Black Shire RC 3075. Un macchinario agricolo a tecnologia brevettata, adatto a operare su terreni e pendenze complesse e destinato a la...