160 MW erogati per oltre 6.000 utenti, 236 punti di ricarica attivi, oltre 1.500 charging point in fase di installazione: On Electric Charge Mobility continua a crescere e lo fa grazie al supporto della Società Antonio Carraro, leader nella produzione di trattori speciali, e lead investor dell’azienda romana da marzo del 2021.

I dati raccontano i risultati considerevoli e le prospettive ambiziose di una società privata che è riuscita, in pochi anni, a competere con i big player del settore dimostrandosi “agile” e lungimirante nell’intercettare i bisogni dei consumatori in questa nuova sfida in un mercato in grande espansion come quello della mobilità elettrica. 

Il merito è nella guida e negli obiettivi raggiunti da G&G Holdingfounder di On Charge, che ha portato quella che all’epoca era una piccola start-up a confrontarsi con i più grandi provider di servizi di ricarica.

Con l’obiettivo di offrire ancor più solidità e prospettive all’azienda e ai suoi collaboratori, G&G Holding ha ceduto un pacchetto di quote societarie ad Antonio Carraro, che è così diventato socio di maggioranza. G&G Holding rimane il secondo socio della società per partecipazione.

Antonio Carraro e On Charge: i termini dell’accordo

L’accordo con Antonio Carraro prevede un apporto di equity fino a 15 mln di aumento di capitale. I fondi saranno necessari per portare a termine le prossime installazioni su tutto il suolo nazionale ed espandere, già entro la fine del 2023, l’attività della società anche all’estero, con prevalenza sul mercato europeo, privilegiando la scelta di impianti di ricarica ad alta potenza

Grazie all’iniezione di fondi apportata dal nuovo assetto, On Charge arriverà ad installare, entro la fine di ottobre 2023, più di 840 punti di ricarica con infrastrutture di ricarica alimentate con corrente alternata e una buona percentuale di sistemi con corrente ultrarapida. La sfida per l’azienda nelle sue proiezioni future è di arrivare a concretizzare e superare il piano industriale che prevede l’installazione e l’operatività di oltre 8.000 punti di ricarica entro il 2027. Un risultato ambizioso che prevede un investimentocomplessivo di oltre 100 mln di euro con un dimensionamento organico stimato intorno alle 50 unità.

L’amministratore delegato della Antonio CarraroEnrico Polo, ha così commentato l’operazione: “La collaborazione con On Charge non fa che confermare il percorso di Antonio Carraro nel filone della transizione ecologica e dell’economia sostenibile. L’operazione dimostra la fiducia in On Charge e rappresenta una scelta strategica, sicuramente vincente, sul futuro della mobilità coniugata con i modelli digitali. Inoltre, il modello “On Charge”, unico nel suo genere, può essere proposto e sviluppato nel più ampio ecosistema del Gruppo Milleuno, che a sua volta controlla la Società Antonio Carraro, ed anche con tutti i partner dello stesso, creando un interessante effetto moltiplicatore ed, ovviamente, ulteriore valore a tutta l’operazione”.

L’amministratore delegato di On ChargeClaudio Piazza, commenta con soddisfazione: “Siamo orgogliosi che la Antonio Carraro abbia confermato e rafforzato la propria partecipazione in On Charge. Crediamo che ciò sia frutto anche del proficuo scambio di idee e della collaborazione che fin da subito hanno caratterizzato l’ingresso dell’azienda nella nostra società, a dimostrazione dell’importanza di valorizzare al meglio le reciproche opportunità di sviluppo industriale e commerciale in chiave sinergica. L’attenzione all’innovazione e lo spirito collaborativo dei nostri soci rappresenterà un elemento importante per il nostro futuro”.

In primo piano

Articoli correlati

Confronto: 15-16 litri industriali

Ci sono due “agnostici” a tirare le fila del rinnovamento, Cummins e FPT Industrial. Quest’ultima si aggiudica l’Indice Diesel a pari merito con il D4276 di MAN. Il leone di Norimberga presenta anche il D3876. Scania lo stesso 16 litri, con due tarature molto diverse tra loro: una privilegia la pote...