Si chiama REPower EU l’ambizioso piano presentato dalla Commissione Europea con l’obiettivo di puntare forte sul biometano per ridurre la dipendenza dal gas russo. Una questione che ha drammaticamente mostrato il suo carattere di urgenza nelle ultime settimane dopo l’inizio delle ostilità in Ucraina. Il piano presentato dalla Commissione Europea prevede l’aumento della capacità produttiva di biometano fino a 35 miliardi di metri cubi (bcm) entro il 2030 all’interno dell’Unione Europea. L’obiettivo sarà sostituire il 20 per cento dell’importazione di gas naturale dalla Russia con un’alternativa sostenibile, più economica e prodotta localmente. Il biometano aiuta anche a ridurre l’esposizione alla volatilità dei prezzi alimentari perché il fertilizzante derivabile dal digestato è un co-prodotto della produzione di biometano e sostituisce attualmente costosi fertilizzanti chimici.

Produrre biometano all’interno della UE

Protagonista della svolta sostenibile un gruppo di una trentina di aziende (immagine qui sotto) – di cui fa parte anche Iveco, che sul biometano ha sempre mostrato di puntare forte – e organizzazioni, coordinato da European Biogas Association e Common Futures. Nell’immediato, la Commissione Europea punta a raddoppiare il metano prodotto all’interno della UE già nel 2022. Il passaggio successivo, verso il biometano, deve prevedere – come si spiega nel documento di presentazione dell’iniziativa – la mobilitazione delle materie prime sostenibili da biomassa e, naturalmente, investimenti volti all’aumento significativo della capacità produttiva.

biometano

Oggi l’Unione Europea produce 3 bcm di biometano. Uno scale-up a 35 bcm richiede, infatti, la mobilitazione di materie prime sostenibili da biomassa, principalmente scarti e residui, più la realizzazione di circa 5000 nuovi impianti per il biometano. Il consorzio fa sapere che “da un punto di vista tecnico tutto questo è realizzabile nei prossimi otto anni, ed è anche economicamente vantaggioso. Sono necessari circa 80 miliardi di euro di investimenti di capitale, denaro europeo speso nella nostra economia interna. Questo ci consente di produrre biometano a un costo decisamente inferiore rispetto al prezzo del gas naturale degli ultimi mesi. Oltre a costruire nuovi impianti integrati di biogas-biometano, si potrebbero anche aggiungere, con costi contenuti, unità di metanazione agli impianti di biogas esistenti. Chiediamo anche una rapida commercializzazione della tecnologia di gassificazione, che consente la produzione di biometano da residui legnosi”.

biometano

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Confronto: 10-11 litri industriali

Come noto a chiunque abbia un minimo di confidenza con i giochi di carte, l’asso di briscola vale undici punti, come i litri del nuovissimo DW5. Scania ha varato la piattaforma Super e dopo appena un anno l’ha adattata anche alle esigenze delle applicazioni mobili industriali. Tra i motori da 10 e 1...