Daf e le declinazioni dell’ibrido. A dispetto della nouvelle vague del Gnl, promossa da Iveco e Scania, e della spinta alla elettrificazione, vagheggiata soprattutto da Volvo e Mercedes, c’è spazio anche per l’ibrido, come dimostrano la stessa Scania e, per l’appunto, il duetto tra l’olandese Daf e l’americana Paccar. A pilotare lo slalom tra zero emissioni nel perimetro urbano e ciclo diesel sulle lunghe percorrenze è il’Mx11, 6 cilindri da 10,8 litri, uno dei fiori all’occhiello di Daf.

Daf e l'ibrido
ZF, InnoTrans-2018

Daf e l’ibrido. Chiamatelo CF Hybrid

È l’operatore dei trasporti olandese Peter Appel ad aver pensato a questi veicoli per i rifornimenti ai supermercati al centro dei Paesi Bassi. I Daf CF Hybrid Innovation che gli sono stati forniti sono dotati di motore diesel Paccar MX-11 da 10,8 litri, capace di erogare 330 chilowatt, di un motore elettrico ZF da 75 kW, con potenza massima di 130 kW e di uno speciale cambio ZF TraXon per trasmissioni ibride. Il motore elettrico trae energia da un gruppo batterie da 85 kWh, che si ricarica durante l’uso del motore diesel. Durante il funzionamento con carburante diesel, il motore elettrico funziona come un generatore e fornisce energia al gruppo batterie. In futuro sarà anche possibile caricare la batteria presso una stazione di ricarica (veloce). Quando la batteria è completamente carica, il modello Daf CF Hybrid, a seconda del peso totale della combinazione veicolo-rimorchio, ha un’autonomia elettrica di 30-50 chilometri, più che sufficiente per guidare in entrata e in uscita dalle aree urbane senza produrre emissioni allo scarico.

Fuori città guida lui, il 10,8 litri diesel

Daf e l'ibrido
MX-11

Fuori città, il modello CF Hybrid è alimentato dal motore diesel Paccar MX-11 pulito ed efficiente, che assicura una lunga autonomia. Inoltre, la tecnologia ibrida garantisce un ulteriore risparmio sul consumo carburante, grazie alla gestione intelligente dell’energia. Quest’ultima, generata dal freno motore allo scarico e dal controllo velocità in discesa, viene utilizzata dal motore elettrico per supportare il motore diesel.

In primo piano

Articoli correlati

I primi 50 anni di Scania in Italia

La sua storia in Italia inizia negli anni Settanta quando Armando Rangoni, riconoscendo nel marchio Scania un grande valore, fonda la società indipendente “Italscandia Autocarri S.p.A.”, ottenendo il mandato per l’importazione dei prodotti della Casa svedese.