Fpt North America, al via la partnership esclusiva con il distributore Motor-Services Hugo Stamp, Inc (Mshs). Si spalanca la valvola della diffusione dei prodotti Fpt Industrial, così come della rete di assistenza e di quella degli ingegneri specializzati, nel nord del continente americano. Mshs, infatti, può assicurare una copertura del territorio coast-to-coast, da Atlantico a Pacifico, oltre ad uffici in Florida, Louisiana, Maine e Seattle. E nel contempo, facendo un salto nell’emisfero australe, in Brasile Fpt si è aggiudicata l’Enviromental Awards organizzato dalla Brazilian Association of Automotive Engineering. Due fatti naturalmente scollegati, ma accomunati dalla coincidenza temporale e dall’appartenenza al medesimo contesto d’oltreoceano.

Mshs e Fpt, la relazione non è una novità

Mshs, azienda con base in Florida e il mondo dei motori diesel marini nel mirino, distribuisce i prodotti di Fpt  Industrial dal 2005. Un rapporto che si è consolidato col passare degli anni. Attualmente il distributore offre la completa gamma di motori diesel marini Fpt inboard, adatti tanto alla nautica da diporto quanto all’ambito commerciale. «L’eccellenza ingegneristica di Mshs e l’impegno nel servizio d’assistenza ai clienti fanno sì che la partnership con Fpt rafforzi i nostri valori» ha affermato Mike Cullen, vertice di Fpt North America. «Siamo assai contenti della crescita di Fpt in Nord America e della forte collaborazione con Mshs» ha aggiunto Torsten Schmitt, sales manager della divisione High speed engine di Mshs.

Un premio per lo studio sull’olio

Tutt’altra storia è il premio ricevuto da Fpt Industrial in Brasile. Uscendo dal perimetro della nautica, una ricerca sui macchinari per l’agricoltura condotta, appunto, da Fpt Industrial si è aggiudicata la medaglia d’oro nella categoria “Technology” all’undicesima edizione degli Environmental Awards. L’indagine prende in esame le sfide connesse all’introduzione dell’olio Api Cj-4 (utilizzato in motori alimentati con gasolio a bassissimo tenore di zolfo) in Latinoamerica. Ha coinvolto ingegneri dello stabilimento di Sete Lagoas, e si è sviluppato attraverso test condotti con la multinazionale Petronas. Gli esperimenti condotti su macchine raccoglitrici di canna da zucchero hanno mostrato un calo del 30 per cento nella necessità di ricambio d’olio per i motori Cursor 9 Mar-I/Tier3. Cinque cambi ogni 500 ore di attività contro i sette necessari usando Api Ci-4.

In primo piano

Articoli correlati

Salone nautico di Venezia 2024

L'edizione 2024 del Salone nautico di Venezia si affaccia sul mare piatto del mercato. Le proposte dei costruttori strizzano l'occhio ai pacchetti ibridi