La spinta di Kubota verso un futuro a emissioni zero, mostrata anche in questi giorni al ConExpo di Las Vegas, comprende una gamma di motori rivoluzionari lanciati di recente, inclusi nuovi modelli ibridi e a idrogeno, insieme all’uso crescente di carburanti alternativi a più basse emissioni di carbonio.

La Micro Hybrid Technology è un’iniziativa chiave per Kubota ed è un sistema installato con un generatore a motore da 48 volt che utilizza energia elettrica solo quando è necessario gestire i sovraccarichi intermittenti. Una funzione di assistenza del motore viene utilizzata per fornire 10 kW extra di potenza elettrica aggiuntiva quando necessario per carichi improvvisi occasionali, consentendo agli operatori di selezionare un motore con potenza adeguata all’intervallo di carico, insieme all’energia elettrica per compensare i rari sovraccarichi intermittenti. La tecnologia Kubota Micro Hybrid è particolarmente adatta per applicazioni con sovraccarichi occasionali come macchine non stradali utilizzate nei cantieri, carrelli elevatori, spazzatrici, rulli stradali, escavatori, sollevatori telescopici, pale gommate, generatori e piattaforme aeree. È anche adatta allo scopo per le applicazioni al chiuso.

ConExpo: novità nel portafoglio Kubota 

Due dei punti salienti del portafoglio ampliato di Kubota sono i motori micro ibridi a tre cilindri D1803 CR-T P1 e D1105 P2, entrambi diesel a quattro tempi verticali, raffreddati ad acqua.

Il compatto D1803 CR-T P1 Hybrid ha una potenza nominale di 37,0 kW (49,6 CV) a 2700 giri/min. Il generatore a motore sincrono CA, che non richiede interventi di manutenzione, è racchiuso nell’alloggiamento del volano mantenendo le dimensioni del motore al minimo e tutti i componenti necessari, come i motori e le batterie agli ioni di litio da 48 V, sono forniti da Kubota, il che significa che le risorse di sviluppo del cliente possono essere minimizzate. Non è necessario un meccanismo di trasmissione a cinghia, aumentando così la robustezza e la facilità di manutenzione. Il P1 da 1.826 L di cilindrata ha un alesaggio e una corsa di 87 x 102,4 mm, soddisfa le normative sulle emissioni Epa/Carb Tier 4 e EU Stage lllB e ha una coppia massima di 150,5 Nm a 1600 giri/min. Il P1 è dotato di un sistema di combustione a iniezione diretta e di un sistema di alimentazione common rail.

Il D1105 P2 Hybrid ha una potenza nominale di 18,5 kW (24,8 HP) a 3000 giri/min e dispone di una frizione posizionata tra il motore e la trasmissione del motore. Il P2 può essere commutato tra azionamento motore, azionamento motore e motore + azionamento motore mentre è in funzione a seconda dell’applicazione. Ad esempio, in ambienti sensibili al rumore o alle emissioni, il motore può essere arrestato e commutato sul motore elettrico. Il motore è compatto anche con una frizione unidirezionale incorporata nella scatola del cambio larga 20 cm in dotazione che consente di risparmiare spazio rispetto alle tradizionali combinazioni di motori e frizioni acquistate separatamente, offrendo così anche maggiore flessibilità ai progettisti di macchine. Una pompa idraulica può essere montata sul cambio per togliere potenza.

Il P2 da 1.123 litri di cilindrata ha un alesaggio e una corsa di 78 x 78,4 mm, soddisfa le normative sulle emissioni Epa/Carb Tier 4 (modalità di test Nrtc/Nte) e EU Stage V e ha una coppia massima di 71,5 Nm a 2200 giri/min. Il P2 ha un sistema di combustione a iniezione indiretta e un sistema di alimentazione con pompa in linea. La produzione del P2 è prevista per il 2025.

Da marzo 2023 Kubota promuoverà tre sistemi micro ibridi: il nuovo D1803 CR-T P1, il D1105 P2 e il V3307 P0.

Il micro ibrido Kubota V3307 P0 a quattro tempi, quattro cilindri, verticale, raffreddato ad acqua, con cilindrata di 3.331 litri, ha una potenza nominale di 55,4 kW a 2600 giri/min. Alesaggio e corsa sono 94 x 120 mm e poiché il P0 ha le stesse dimensioni dei motori common rail, è facile da installare. Il motore è conforme alle normative sulle emissioni Epa/Carb Tier 4 e EU Stage V.

Kubota verso un futuro a emissioni zero

Un altro sviluppo chiave di Kubota riguarda i progressi dell’azienda con la tecnologia dei motori a idrogeno, un’interessante soluzione di carburante alternativo senza emissioni di carbonio.

Il motore a idrogeno Kubota da 3,8 litri e 85 kW a quattro cilindri industriali per fuoristrada elimina le emissioni di anidride carbonica utilizzando solo l’idrogeno come carburante.

Il motore a idrogeno di Kubota si basa sul motore WG3800 con accensione a scintilla. Mantenendo le dimensioni o l’ingombro del motore esistente, Kubota ha mantenuto la varietà di selezioni di accessori e la compatibilità con le applicazioni dei clienti. Inoltre, la posizione della presa di forza non è cambiata. Il motore a idrogeno Kubota è una scelta interessante nel settore dei gruppi elettrogeni e sta già attirando l’interesse dei produttori.

L’azienda ha recentemente rivelato che tutti i motori diesel Kubota, compresi i modelli Stage V, possono utilizzare carburanti a base di paraffina conformi alla norma europea EN 15940. I carburanti recentemente approvati includono Gas to Liquid (Gtl) e olio vegetale idrotrattato (Hvo). L’uso di Hvo è stato recentemente approvato anche per i motori diesel Kubota negli Stati Uniti.

Sottolineando l’impegno di Kubota per un futuro a emissioni zero, l’Hvo offre una serie di vantaggi ambientali rispetto ai carburanti più convenzionali. I carburanti “Drop-In” non richiedono modifiche al motore o alla macchina per consentirne l’utilizzo.

Kubota ha anche svelato due nuovi motori dotati di tecnologia all’avanguardia che espandono la gamma di motori completamente controllati elettronicamente al di sotto dei 19 kW e che migliorano le credenziali a basse emissioni di carbonio dell’azienda.

Le ultime aggiunte alla gamma di motori Kubota includono anche i motori D902-K e D1105-K, entrambi dotati del sistema common rail altamente avanzato e rivoluzionario di Kubota sviluppato esclusivamente per piccoli motori, il Tvcr. Le caratteristiche dei nuovi motori diesel a quattro tempi a tre cilindri, verticali, raffreddati ad acqua includono funzionamento senza fumo, minori emissioni di carbonio grazie al basso consumo di carburante, elevate prestazioni ad alta quota e supporto stabile per le operazioni della macchina. Soddisfano gli standard regionali sulle emissioni Epa Tier 4, Stage V e China IV.

Per il D1105-K solo un’unità a controllo elettronico può essere installata direttamente sul motore. Inoltre, una nuova coppa dell’olio più grande è una caratteristica standard per prolungare gli intervalli di cambio dell’olio, riducendo ulteriormente i costi di manutenzione.

Il common rail D902-K ha una cilindrata di 0,898 L. La potenza (kW lorda/rpm) è 18,5/3600; 16.5/3200 e 13.4/2600. La coppia (Nm lordi/rpm) è 56,1/2600; 56.1/2400 e 55.2/2400. Il peso a secco è di 72 kg.

Il common rail D1105-K ha una cilindrata di 1.123 L. L’uscita (kW lordo/rpm) è 18,5/3000 e la coppia (NM lordo/rpm) è 72,4/2200. Il peso a secco è di 93 kg.

Poiché i motori sono controllati elettronicamente, possono comunicare tramite Controller Area Network (Can), il che significa che è possibile acquisire i dati operativi del motore, necessari per il monitoraggio remoto delle prestazioni.

L’introduzione del Kubota V5009 a quattro tempi verticale, raffreddato ad acqua, altamente efficiente, ha segnato il primo motore diesel dell’azienda sopra i 200 CV ed è progettato per soddisfare i requisiti di potenza più elevati e l’ampia gamma di esigenze nelle macchine edili e industriali. Il V5009 può erogare fino a 157,3 kw (210,9 CV) a 2200 giri/min, rispettando gli standard sulle emissioni Epa/Carb Tier 4 e EU Stage V.

In primo piano

Articoli correlati

Hitachi Energy ha acquisito Coet, produttore di apparecchiature elettriche

Hitachi Energy rafforza la propria posizione nel settore della mobilità elettrica con l’acquisizione del produttore italiano Coet. La società con sede nel milanese è specializzata nella progettazione e produzione di apparecchiature di potenza destinate alla mobilità elettrica, al settore ferroviario...
News