Il sondaggio “Il motore del futuro” organizzato dall’Uiga, Unione Italiana dei Giornalisti Automotive, si è chiuso il 31 agosto. Il pubblico è stato al voto elettronico mediante l’esposizione dei modelli d’auto rappresentativi delle diverse tipologie di alimentazione oggetto di voto: ibrido benzina/diesel, ibrido ricaricabile, metano/Gpl, elettrico e idrogeno. 

L’analisi delle 4.287 espressioni di voto ha offerto lo spunto per fare un identikit degli automobilisti italiani anche su base anagrafica. La preferita è l’ibrida basica e il car sharing affonda: ecco come è andata! 

Il risultato del sondaggio ha premiato l’alimentazione ibrida benzina/diesel. I motori più semplici sono ancora i più considerati. Probabilmente le nuove tecnologie, nonostante gli incentivi, sono troppo costose per gli automobilisti. Sul podio anche le auto ibride ricaricabili e le elettriche. Poi le tradizionali benzina/diesel, le vetture a idrogeno e quelle metano/Gpl. 

Le preferenze secondo l’età

Nel sondaggio Uiga emergono chiaramente preferenze molto diverse a seconda della fascia d’età. I votanti fino a 30 anni puntano decisamente sull’auto elettrica che si piazza al primo posto seguita dall’ibrida benzina/diesel, con al terzo posto l’ibrida ricaricabile. I modelli tradizionali benzina/diesel sono quarti; quinta l’auto a idrogeno e fanalino di coda metano/Gpl. 

Da 30 a 50 anni, la preferenza è per l’alimentazione ibrida benzina/diesel, il gruppo propulsore più semplificato e meno costoso tra gli elettrificati. Al secondo posto le vetture più tradizionali, benzina/diesel, che fino al 2035 saranno sul mercato. Al terzo posto si piazza l’elettrica, che, oltre a richiedere investimenti ingenti per comprarla, ha bisogno del supporto delle colonnine di ricarica. A seguire, ibrida ricaricabile, idrogeno, metano/Gpl. 

Gli ultracinquantenni guardano al futuro: al primo posto si piazza l’ibrido base benzina/diesel, ma subito dopo arriva l’idrogeno. Il messaggio è chiaro: se si deve aiutare a guarire il pianeta meglio puntare sull’idrogeno, la formula più pulita in assoluto a patto che si trovino modi per produrre la materia prima non energivori. Sul podio, al terzo posto, l’ibrida ricaricabile. In quarta posizione l’elettrica, in quinta la nota auto benzina/diesel e sesta la categoria metano/Gpl. 

Sull’età dell’auto posseduta il 39,55% ha risposto da 0 a 3 anni, il 18,66 tre 3 e 5 anni, il 37,31 oltre 5 anni. Sul sistema di acquisto della prossima automobile, la proprietà assoluta stravince con il 63,57%, il noleggio a lungo termine diventa interessante per 32,66 mentre il car sharing raccoglie soltanto lo 0,78. 

In primo piano

Articoli correlati

Tonissi Power e Orcan Power, insieme per l’Orc

Tonissi Power ha organizzato un incontro dal titolo “Orcan Energy, ricicliamo il calore in energia pulita”. Dove? Al Museo Nicolis di Villafranca di Verona, testimonianza del contributo italiano all’ingegneria e al design automobilistici. Lì abbiamo assistito all’applicazione del recupero di energia...