Qui, ora, vi raccontiamo il big bang del 16V170 G Engine Road Show. Venerdì 24 settembre, il sole persistente di Bari è mitigato dal vento che arriva dalla marina. Ci troviamo al quartier generale di Isotta Fraschini, in compagnia del 16V170 G. Non vi parleremo di 6 cilindri e di 67 litri, di chilowatt elettrici e di common rail. Per quello ci sarà tempo, perché questa non è la presentazione di un motore ma di un’esperienza.

16V170G Engine Road Show, con Fincantieri, Isotta Fraschini e Marazzato

L’accensione del motore, l’eco ritmico della testa e la propagazione del comburente sono il riverbero che ci ha accompagnati dalla tarda mattinata al crepuscolo, inizialmente in compagnia delle troupe del TG3 Puglia e di TeleNorba. Un avviamento che si ripeterà, ritualmente, in Irpinia, in Sicilia, nell’entroterra napoletano, nelle Marche, in Emilia, Lombardia, Veneto fino ai piedi dell’arco alpino. Una palingenesi, che riconsegna all’Italia e all’industria delle generazione di potenza un protagonista ritrovato. Ricordate quando annunciammo la parabola nascente di IFuture? Perché questa è un’operazione strategica, non tattica, che pianifica un futuro che parte dal presente e affonda le radici nel passato.

Da dove nasce questa iniziativa e dove ci porterà?

Il grande cerimoniere dell’anteprima barese è stato Giovanni Bruni, direttore di stabilimento, che ci ha risposto: Questa iniziativa nasce da 122 anni storia, di produzione di motori, di componentistica per la produzione di energia. Vogliamo restare, e attecchire, in questo settore, perché l’energia è un asset sempre più fondamentale, cruciale, strategico, per le grandi aziende e per il Sistema Paese. Vogliamo continuare a essere l’eccellenza in questo settore, nel futuro prossimo e nel futuro remoto. Guardiamo a motori che funzionano a idrogeno, guardiamo anche alle fuel cell.

Qual è il futuro di un’azienda storica come Isotta Fraschini?

Il futuro di Isotta Fraschini, come ho anticipato, è quello di continuare a operare nel settore della produzione di energia. Siamo presenti in diversi siti industriali e su diverse navi proprio con questo scopo, quello di produrre energia.

L’energia elettrica è la chiave di accesso a un mondo che sarà sempre più elettrificato, le nostre esistenze lo saranno sempre di più

Questa risposta la troverete in coda al breve video di introduzione a questa giornata. Vi aspettiamo, fino al 9 ottobre, quando il camion Isotta Fraschini D65 del 1951 tornerà a casa, nella collezione Marazzato. Un pezzo di storia che apre le porte al futuro.

Il marchio Isotta Fraschini è considerato storico. Dal 1904 l’azienda produce motori per varie applicazioni: marine, per l’aviazione e per il mercato automobilistico, che nel 1920 ha reso il brand e l’azienda conosciuta e ammirata in tutto il mondo per le sue auto di lusso. La sede attuale è sito produttivo dal 1964. La produzione è mutata negli anni: diverse applicazioni in momenti storici diversi, ma sempre con gli stessi obiettivi: la qualità e l’affidabilità del prodotto.

Fincantieri è uno dei principali complessi cantieristici al mondo, l’unico attivo in tutti i settori della navalmeccanica ad alta tecnologia. È leader nella realizzazione e trasformazione di unità da crociera, militari e offshore nei comparti oil & gas ed eolico, oltre che nella produzione di sistemi e componenti, nell’offerta di servizi post vendita e nelle soluzioni di arredamento navale. Grazie alle capacità sviluppate nella gestione di progetti complessi il Gruppo vanta referenze di eccellenza nelle infrastrutture, ed è operatore di riferimento nel digitale e nella cybersecurity, nell’elettronica e sistemistica avanzata. Con oltre 230 anni di storia e più di 7.000 navi costruite, Fincantieri mantiene il proprio know-how e i centri direzionali in Italia, dove impiega 10.000 dipendenti e attiva circa 90.000 posti di lavoro, che raddoppiano su scala mondiale in virtù di una rete produttiva di 18 stabilimenti in quattro continenti e oltre 20.000 lavoratori diretti.

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati