John Deere e gli ausiliari marini: il 9 e il 13,5 litri si rinnovano  all’interno della famiglia di gruppi a bordo griffati col cervo e saranno in commercio all’inizio del prossimo anno. Letta così non si direbbe una novità, in realtà i due top di John Deere sono stati rivisitati espressamente per equipaggiare generatori marini con radiatore di raffreddamento e applicazioni ausiliarie. In cosa si distinguono questi motori? Innanzitutto per il fatto di essere immediatamente disponibili per i mercati Epa, in ragione delle tarature e della certificazione dell’American Bureau of Shipping . La tempra alle sollecitazioni, garantita dalla sovralimentazione, con turbo raffreddato ad acqua, e dal collettore di scarico umido. La flessibilità: i due sono proposti con e senza filtro aria marino/Ccv e con varie opzioni di comando ventola. La sicurezza: i componenti elettronici sonoa poli isolati, tra cui avviatore e alternatore.

UN CERVO IN MARE. LA VITALITÀ DI JOHN DEERE IN BARCA. ANCHE IN SALA MACCHINE. VERO, 4045SFM85?

John Deere Power Systems e gli ausiliari marini: potenza QB

Nel rapporto tra Johnn Deere e gli ausiliari marini non potevamo ignorare l’argomento chilowatt. E non solo ausiliari, perché i policilindro in livrea bianca si prestano sia alla propulsione che al soddisfacimento di bisogni di hotel e alimentazione delle periferiche. Il PowerTech 6090Hfm85 offre una potenza nominale di 242 chilowatt a 2.000 giri per applicazioni a velocità variabile e di 262 chilowatt a 1.800 giri per gruppi elettrogeni di bordo e applicazioni ausiliarie che richiedono una velocità costante. Salendo di uno scalino la cilindrata, il PowerTech 6135HFM85 offre una potenza nominale di 373 kW a 2.000 giri per le applicazioni a velocità variabile e di 416 kW a 1.800 giri per le applicazioni stazionarie.

John Deere e gli ausiliari marini: una ‘voce amica’

Usuale carrellata di commenti da parte dei diretti interessati, in questo caso affidati a Heather Balk, responsabile pianificazione per il mercato marino della John Deere Power Systems: «Siamo felici di offrire questi motori raffreddati ad aria con potenze nominali specificamente rivolte al mercato dei generatori marini e dei motori marini ausiliari, che vanno ad aggiungersi ai motori da 9,0 l e 13,5 l con radiatore di raffreddamento e collettore di scarico a secco. L’ampia gamma di modelli disponibili consente ai nostri clienti di scegliere il motore piùadatto a soddisfare le molteplici esigenze delle applicazioni ausiliarie e di generazione di energia, come pompe, verricelli, gru e sistemi idraulici».

Prosegue Balk: «La linea completa di John Deere ausiliari marini con certificazione Epa Tier 3 consente ai nostri clienti di scegliere il motore che meglio soddisfa le loro esigenze e offre loro le soluzioni economiche e affidabili che sono abituati ad aspettarsi da John Deere. I nostri clienti possono fare completo affidamento sui nuovi motori da 9,0 l e 13,5 l per far funzionare al meglio le loro applicazioni».

JOHN DEERE CON I GRUPPI CI VA A NOZZE. IN MARE E IN TERRA. CHIEDETELO A KOHLER-SDMO

In primo piano

Articoli correlati

Salone nautico di Venezia 2024

L'edizione 2024 del Salone nautico di Venezia si affaccia sul mare piatto del mercato. Le proposte dei costruttori strizzano l'occhio ai pacchetti ibridi

Salone Nautico Venezia 2024, oggi l’inaugurazione

“Il Salone Nautico Venezia è arrivato alla sua quinta edizione e il bilancio non può che essere positivo perché è cresciuto nel corso degli anni diventando un punto di riferimento nel panorama nautico internazionale e nella presentazione delle novità nel campo delle innovazioni e tecnologie – afferm...