Siamo abituati a citarlo associato al nome di Goldoni, ma Keestrack è anche e soprattutto frantoi da cava, adesso disponibili anche e-drive.

Keestrack e l’efficienza dell’e-drive

Keestrack è oggi uno dei punti di riferimento nel mercato degli impianti mobili per il trattamento di materiali inerti e rifiuti da costruzione e demolizione. Il costruttore belga è infatti cresciuto in modo costante nel tempo con un progetto basato sulla concretezza delle prestazioni associate ad una continua evoluzione. Passaggi che nel tempo gli hanno consentito non solo di crescere ma di affermarsi con prodotti dalla riconosciuta qualità costruttiva. Il legame fra Keestrack e l’Italia, fra le altre cose, è uno degli elementi fondamentali dell’azienda della famiglia Hoogendoorn. Occorre infatti ricordare che il marchio belga racchiude tutti i migliori valori delle aziende a gestione famigliare. Il costruttore belga ha lanciato le trasmissioni elettriche nel 2012 con l’e-drive. Si è trattato di una semplice presa elettrica con gruppo elettrogeno/diesel di bordo da utilizzarsi nel caso in cui non fosse disponibile la connessione alla rete. Nel frattempo le macchine ad azionamento elettrico Keestrack si sono evolute con la presenza a bordo di un gruppo elettrogeno che può essere posizionato in un luogo remoto. Può infatti rimanere a bordo oppure essere collocato in un ambiente meno polveroso e con basse vibrazioni.

È anche Zero-drive

Oggi Keestrack ha compiuto un ulteriore passo avanti con il lancio delle macchine ZERO drive. Una gamma di impianti senza motori endotermici. Si tratta di macchine equipaggiate solo con motori elettrici che azionano la maggior parte delle attrezzature mobili di frantumazione e vagliatura e alimentano solo alcuni sistemi idraulici necessari. La gamma di macchine Zero-drive sono i frantoi a cono H6e e H7e, tutti i frantoi ad urto compreso l’I4e, tutti i vagli sgrossatori tranne il K8, il vaglio selezionatore C6e. Oltre a tutti i nastri di stoccaggio, tutti i frantoi a mascelle tranne gli alimentatori cingolati B3 e A6.

LEGGETE L’ARTICOLO COMPLETO SU E-CONSTRUCTION

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Accordo tra Cgt e 2G Italia per la cogenerazione di piccola taglia

2G Italia e Cgt hanno stipulato un accordo grazie al quale Cgt arricchirà la sua già vasta gamma con i motori 2G di piccola taglia fino a 400 kW, mentre 2G Italia accrescerà le proprie opportunità commerciali, contando sulla capillarità di Cgt sul territorio e sulla sua radicata presenza nel settore...