Neomach è un costruttore italiano da poco entrato nel mercato delle pale gommate compatte, che ha affidato la Nova X30 alle cure del Kubota D1305. Il 4 cilindri super-compatto (AxC 76 x 73,6 millimetri), per una cubatura di 1,3 litri, eroga 19,1 chilowatt (pari a 26 cavalli). Un “piccoletto” che conserva intatta la vocazione meccanica dei motori di Osaka, con la pompa in linea e l’aspirazione naturale, per conciliare l’affidabilità con le minime cure extra possibili (del resto, come si usa dire, quel che non c’è non si rompe, e non vale solo per il common rail, vale anche per il soffiante, oltre che tutti gli ammennicoli necessari per le omologazioni Stage V al di sopra dei 56 chilowatt)

Kubota è l’anima motoristica della Nova X30 di Neomach

Il cofano non è l’unico segmento della catena cinematica ad avere beneficiato delle attenzioni dell’Oem padovano (per la precisione, di San Giorgio in Bosco). Trasmissione idrostaticaimpianto idraulico proporzionale di serie, braccio telescopico e telaio articolato con postazione di guida sul semitelaio anteriore. Uno schema collaudato e funzionale che ha decretato il successo di questo tipo di macchine. Ma con in più la visione italiana che inserisce gli elementi funzionali là dove realmente servono. L’impianto idraulico proporzionale è infatti un elemento funzionale che, operativamente parlando, fa la differenza. Si tratta infatti dell’unica macchina di questa categoria ad essere presente di serie.

Cosa ci raccontano a proposito quelli di e-Construction

Ci dicono che l’estrema praticità del posto guida nasconde però due elementi di valore. Il primo è la piattaforma indipendente e brevettate sospesa su Silent-Block. Il secondo è il joystick ergonomico solidale con il sedile. Anche in questo caso la differenza con altre soluzioni è evidente. Per il resto si è pensato a chi utilizza queste macchine salendo e scendendo decine di volte al giorno. E magari ha anche la necessità di lavarle velocemente. Allo stesso tempo ha però bisogno di precisione operativa, del maggior comfort possibile e di un mezzo polivalente in grado di passare dalla classica benna, alla spazzatrice, per arrivare alle forche.

VOLETE LEGGERE IL POST COMPLETO DI E-CONSTRUCTION?

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Il primo webinar in vista di Samoter su elettrico, ibrido e idrogeno

La transizione energetica si farà insieme lavorando sul mix energetico: è quanto emerso il 26 gennaio 2023 dal primo dei cinque webinar in vista di Samoter organizzati in collaborazione con Vaielettrico dal titolo “Macchine da costruzione verso le emissioni zero obiettivo: elettrico, ibrido o idroge...