Lhyfe ed Exogen Hydrogen Solutions hanno firmato un memorandum d’intesa per l’offerta combinata di soluzioni complete di decarbonizzazione per vapore industriale, teleriscaldamento e applicazioni di mobilità alimentate da idrogeno verde. Questa partnership apre la strada a un nuovo tipo di ecosistema e a vasti mercati per l’idrogeno verde e rinnovabile.

La partnership prevede un accordo commerciale per identificare potenziali clienti in tutta Europa. Entrambe le organizzazioni promuoveranno i rispettivi prodotti e servizi a vantaggio dei clienti che cercano di sbloccare sinergie operative da soluzioni integrate di decarbonizzazione.

Vi è una crescente domanda da parte di multinazionali e cluster industriali che puntano a sinergie operative combinando soluzioni termiche e di mobilità alimentate da idrogeno verde. Le applicazioni di mobilità sono rivolte alle stazioni di rifornimento di idrogeno per carrelli elevatori, furgoni, camion per le consegne e automobili. Le soluzioni termiche includono vapore industriale, edifici di grandi dimensioni e applicazioni di teleriscaldamento.

La produzione di vapore è una componente fondamentale di molti processi industriali con un profilo di domanda continua e di grande valore. Le industrie con una grande domanda di vapore di processo includono pasta di legno e carta, alimenti e bevande, prodotti farmaceutici, prodotti chimici industriali e l’industria del petrolio e del gas. Le applicazioni termiche negli edifici di grandi dimensioni includono aeroporti, ospedali, centri commerciali e impianti di riscaldamento dei campus.

Sinergie in loco

Emissioni zero: Exogen offre un pionieristico impianto a vapore a idrogeno, l’Hsp 3000, dotato della tecnologia della caldaia di Jericho Energy Ventures. Questo innovativo impianto a vapore a emissioni zero per applicazioni di riscaldamento industriale e distrettuale è una soluzione chiavi in mano. L’impianto alimentato a idrogeno è prodotto e sottoposto a manutenzione dal leader del settore Sofinter Group e viene fornito preassemblato in unità delle dimensioni di un container, spedito tramite trasporto su strada. Non ha ciminiera ed elimina tutte le emissioni di NOx e CO2 derivanti dal vapore industriale e dal teleriscaldamento.

L’unico scarico è acqua pulita, pronta per l’uso circolare con il sistema di produzione di idrogeno verde di Lhyfe, migliorando ulteriormente l’impatto ambientale positivo. Infatti, Lhyfe utilizza acqua ed energie rinnovabili per produrre il proprio idrogeno tramite l’elettrolisi dell’acqua.

Abilitatore della domanda: grazie al suo profilo di domanda di idrogeno di carico di base, Exogen Hsp 3000 è diventato un abilitatore chiave per altre applicazioni dell’idrogeno. Una volta che l’idrogeno verde sarà disponibile in loco e in quantità industriali, altre applicazioni, come la mobilità, i trasporti e la logistica, diventeranno estensioni naturali per decarbonizzare ulteriormente la catena del valore. Di conseguenza, le applicazioni combinate possono sbloccare sinergie operative sui materiali e vantaggi in termini di costi grazie agli effetti di scala.

È qui che entra in gioco l’esperienza leader di Lhyfe. Lhyfe ha inaugurato il suo primo sito di produzione di idrogeno verde nel 2021. Con altri cinque siti in costruzione in tutta Europa, mira a raggiungere 55 MW di capacità installata di produzione di idrogeno entro la fine del 2024, 200 MW entro la fine del 2026 e più di 3 GW entro la fine del 2030. Attraverso i suoi siti di produzione e il suo portafoglio di progetti, Lhyfe intende fornire accesso all’idrogeno verde e rinnovabile in quantità industriali per decarbonizzare in modo significativo settori come i trasporti e l’industria (chimica, acciaio, vetro ecc.).

Due strade per la crescita: in primo luogo, la partnership con Exogen può portare a una significativa crescita della capacità per la pipeline di progetti esistente a Lhyfe, al servizio di un nuovo grande mercato finale del vapore industriale. In secondo luogo, con il teleriscaldamento e il vapore di processo, Lhyfe sta entrando in due segmenti di mercato completamente nuovi, che dovrebbero portare a ulteriori opportunità di crescita nella produzione di idrogeno verde.

I commenti sulla partnership tra Lhyfe ed Exogen

Philippe Desorme, VP of Sales & Business Development di Lhyfe, ha dichiarato: “L’idrogeno verde è diventato molto importante per la decarbonizzazione del vapore industriale, del teleriscaldamento e della logistica. Collaborando con Exogen ci aspettiamo una significativa espansione della nostra produzione di idrogeno verde nel tempo, aprendo al tempo stesso un segmento di mercato completamente nuovo per noi. Pertanto, siamo molto entusiasti di lavorare con Exogen e i nostri clienti per contribuire a sbloccare sinergie operative e affrontare la nuova domanda di idrogeno”.

Saverio Costanzo, Cro di Exogen, ha dichiarato: “La decarbonizzazione del calore è la sfida più grande nei mercati energetici. L’impianto a vapore idrogeno Exogen è un’ottima soluzione per molte aziende perché eliminerà in modo permanente le emissioni di CO2 e NOx dal loro processo di produzione storico. Di conseguenza, i nostri clienti possono fornire ai propri clienti prodotti e servizi significativamente decarbonizzati, sbloccando nuove opportunità di crescita. Nella nostra missione di decarbonizzare le applicazioni energetiche, Lhyfe è un partner ideale; insieme possiamo servire i clienti in tutta Europa con soluzioni complete. Sono molto entusiasta del primo feedback da parte delle multinazionali e dei fornitori di teleriscaldamento per la nostra offerta combinata. Il futuro delle applicazioni energetiche è verde e noi ci troviamo proprio nel mezzo”.

In primo piano

Articoli correlati

Come stanno le rinnovabili in Italia?

Vi riportiamo i nuovi dati dell’EY Renewable energy country attractiveness index (Recai) e le potenzialità per l’Italia dei sistemi di accumulo energia a batteria (Bess)
News

Landi Renzo e Invitalia

Il Gruppo Landi Renzo ha varato un aumento di capitale garantito anche dall'ingresso di Invitalia con 20 milioni
News