Lhyfe prevede di produrre fino a 330 tonnellate di idrogeno verde al giorno nello stabilimento di Lubmin, in uno dei più grandi impianti che sarà costruito nel Meclemburgo-Pomerania Anteriore, in Germania, con una data di messa in servizio prevista entro il 2029. Parte della strategia di sviluppo portante di Lhyfe, questo impianto sarà alimentare la rete principale tedesca di gasdotti dell’idrogeno, per il cui sviluppo il governo tedesco ha recentemente presentato un piano di finanziamento da 20 miliardi di euro.

Nell’ambito del suo piano per utilizzare più idrogeno verde come mezzo per ridurre le emissioni di gas serra e allo stesso tempo diminuire la dipendenza dai combustibili fossili importati, il governo tedesco ha annunciato due settimane fa un investimento stimato di 20 miliardi di euro nella rete dell’idrogeno entro il 2032. Questo investimento sarà sostenere la costruzione di una rete di gasdotti lunga 9.700 chilometri per trasportare l’idrogeno attraverso il paese e verso i vicini della Germania.

Oltre alla strategia di massa e in loco, la strategia di Lhyfe consiste nel posizionare alcune delle sue unità di produzione di idrogeno verde in luoghi appositamente scelti per la loro vicinanza alla futura dorsale europea dell’idrogeno, consentendole così di rivolgersi a un’ampia gamma di clienti, forniti attraverso queste infrastrutture.

Pertanto, negli ultimi due anni, Lhyfe ha sviluppato un portafoglio di progetti portanti che rappresentano 3,8 GW di capacità installata di elettrolisi (a giugno 2023) ovvero il 37% della sua pipeline di progetti totale, compresi grandi progetti come a Perl (Saarland) e Delfzijl (Paesi Bassi) situati vicino alle future infrastrutture di trasporto dell’idrogeno. Queste posizioni strategiche garantiscono che la futura produzione di idrogeno possa essere trasportata e utilizzata in modo affidabile nella decarbonizzazione dei siti industriali in queste regioni.

In questo contesto, il progetto di Lhyfe a Lubmin si adatta molto bene sia alla sua strategia dorsale sia alla strategia tedesca per sostenere lo sviluppo dell’idrogeno verde, poiché è situato molto vicino alla dorsale tedesca dell’idrogeno. Il nuovo sito del progetto offrirà l’accesso ad ampie capacità di produzione di energia elettrica esistenti e future da parchi eolici offshore. Beneficia inoltre di una connessione alla rete ad altissima tensione gestita da 50Hertz, l’operatore del sistema di trasmissione, che già gestisce una stazione di trasformazione a Lubmin e fornirà tutta l’energia elettrica necessaria per produrre idrogeno.

L’impianto sarà costruito sul sito di una centrale nucleare dismessa, il che lo rende ancora più rispettoso dell’ambiente. Il progetto è attualmente in fase di sviluppo e dovrebbe entrare in funzione entro il 2029 con una capacità di elettrolisi di 800 MW e una capacità di produzione fino a 330 tonnellate di idrogeno verde al giorno.

Questa posizione è di importanza strategica per noi”, sottolinea Luc Graré, responsabile dell’Europa centrale e orientale presso Lhyfe. “Stiamo costruendo questi impianti non solo per le nostre esigenze a breve termine, ma anche per le generazioni future. L’introduzione dell’idrogeno verde in Europa è un progetto a lungo termine e Lubmin soddisfa tutti i requisiti per affermarsi come centro sostenibile per l’idrogeno verde a lungo termine. Attendiamo con impazienza lo sviluppo a lungo termine di questa località, lo sviluppo delle principali infrastrutture dell’idrogeno della regione e il sostegno alla decarbonizzazione a lungo termine dell’industria e dei trasporti europei”.

L’attuazione del progetto è soggetta in particolare al rilascio di autorizzazioni operative, permessi di costruzione, nonché a decisioni di investimento finanziario.

In primo piano

Articoli correlati

Baudouin, fare centro coi dati. Intervista a Mozzi e Moraga

Nel mirino dei costruttori di motori stazionari e di gruppi elettrogeni sono finiti i data center. Baudouin candida a quest’applicazione la serie M33 e la M55, che si appresta a varcare la soglia dei 4.500 kVA. Nell’orizzonte dell’azienda francese anche le unità a gas, tenendo sott’occhio il mondo d...

Il Perkins 5012 al Middle East Energy

Il Perkins 5012 è l’ultimo arrivato della serie 5000 di motori costruiti secondo standard di livello mondiale per alta efficienza, basso consumo di carburante e standard di emissione globali.