Liqui Moly ha aperto un nuovo capitolo presso la sede centrale di Ulm: gli amministratori delegati Günter Hiermaier e Uli Weller hanno inaugurato il nuovo edificio per la produzione di additivi con tre moderni impianti di imbottigliamento e nuovi uffici. I nuovi macchinari aumentano la capacità massima di produzione da 346.000 lattine alla settimana fino a ben 481.000 pezzi. “Il lancio rappresenta una pietra miliare nel nostro percorso verso l’obiettivo comune di fatturato di 1 miliardo di euro”, ha affermato l’amministratore delegato davanti a rappresentanti della politica, dell’economia, dei media e del personale.

Liqui Moly ha investito 8 milioni di euro nella nuova produzione di additivi. Di questi, 3,4 milioni di euro sono destinati al completamento del nuovo edificio. I costi per i tre nuovi impianti di riempimento ammontano a 3,1 milioni di euro. Per la tecnologia di movimentazione e i robot di imballaggio si contano 1,4 milioni di euro. L’installazione e la messa in funzione di questi impianti sarà completata nel corso del prossimo anno. Gli additivi contribuiscono a far sì che i motori brucino il carburante in modo pulito, emettano meno sostanze inquinanti e durino più a lungo. Sono utili per prevenire o per risolvere eventuali problemi. Liqui Moly sviluppa e produce tutti i propri additivi a Ulm.

Questi investimenti sono un impegno verso la sede di Ulm e quindi verso il Made in Germany. In questo modo creiamo nuovi posti di lavoro e diamo alle persone una prospettiva a lungo termine”, afferma Günter Hiermaier. Ovviamente, i macchinari hanno un impatto sui lavoratori, ma diverso da quanto si potrebbe pensare: l’introduzione di nuovi macchinari non significa ridurre il personale, ma aggiungere dei posti di lavoro anche in altri settori, perché aumenta la produzione. E migliorano anche le condizioni di lavoro. “Liqui Moly è un datore di lavoro moderno. Le persone possono e devono sentirsi a proprio agio con noi. Questo è il nostro obiettivo verso noi stessi”, ha affermato l’amministratore delegato. Per questo motivo, oltre ai 400 metri quadrati di superficie produttiva distribuiti su due piani, al terzo piano sono stati creati 200 metri quadrati di superficie per uffici più moderni.

Le condizioni durante la fase di costruzione sono state meno piacevoli. L’edificio dedicato alla produzione è stato costruito tra il precedente impianto di produzione e gli edifici amministrativi senza interrompere le attività. In circostanze difficili, il personale addetto alla preparazione del lavoro e alla produzione ha mantenuto le operazioni a pieno regime. “Per questo motivo desidero ringraziarli in modo particolare insieme a tutti i responsabili del progetto”, ha affermato Günter Hiermaier. L’amministratore delegato di Liqui Moly ha ringraziato anche Jörg Murawski, amministratore delegato di Würth Elektronik ed Executive Vice President del Gruppo Würth, che fa parte di Liqui Moly dall’inizio del 2018: “Würth ci ha lasciato mano libera in tutte le decisioni, ci ha dato sicurezza e ci ha anche trasmesso un importante know-how. Würth ci ha supportato in tutte le fasi del progetto e ci rafforza con una collaborazione redditizia e fiducia nel nostro percorso.”

Come la sede centrale dell’azienda, anche il nuovo edificio si trova nel quartiere Lehr di Ulm. Fondata nel 1957 nel centro della città, l’azienda ha trasferito la propria sede a Ulm Nord nel 1978. A portare a questa decisione sono state la rapida e costante crescita e la conseguente necessità di spazio. Da allora qui si trovano tutti i settori, dallo sviluppo alla produzione e persino l’amministrazione.

In primo piano

Articoli correlati

Hitachi Energy ha acquisito Coet, produttore di apparecchiature elettriche

Hitachi Energy rafforza la propria posizione nel settore della mobilità elettrica con l’acquisizione del produttore italiano Coet. La società con sede nel milanese è specializzata nella progettazione e produzione di apparecchiature di potenza destinate alla mobilità elettrica, al settore ferroviario...
News