Lavoro è anche e soprattutto inclusione e Punch si conforma spontaneamente a questa consapevolezza, come dimostra la firma di un accordo per l’inserimento lavorativo di persone iscritte alle categorie protette nella propria sede di Torino.

L’inclusione è a casa a Torino. L’esempio di Punch

Tale intesa si inserisce nel quadro normativo dell’Articolo 14 della Decreto Legislativo n. 276/03, e del relativo Accordo Quadro della Regione Piemonte, che permette la stipula di convenzioni tra imprese e cooperative sociali, creando opportunità di inserimento lavorativo per questa categoria di lavoratori. Nella pratica, grazie all’accordo appena siglato, Punch Torino affiderà a Orso Blu, impresa cooperativa sociale e operante nel nordovest, alcuni servizi generali, permettendo l’avviamento al lavoro di sette persone già a partire da dicembre.

punch inclusione

Questa iniziativa rientra in un piano più ampio dell’azienda volto all’inclusività, e che ha visto nel corso del 2022 l’assunzione diretta di nuovi colleghi appartenenti alla lista categorie protette. Infatti, da sempre l’azienda presta attenzione a queste tematiche nel proprio processo di selezione, che mette al primo posto l’attenta valutazione delle competenze tecniche e trasversali dei candidati e in cui la diversity è accolta come un arricchimento.

Ci dicono in merito le risorse umane

Marco Finanzieri, Direttore Risorse Umane di Punch Torino commenta: “Abbiamo recepito con favore l’idea di lavorare a questo accordo che ha richiesto un intenso lavoro di coordinamento con le istituzioni territoriali e la cooperativa prescelta.” Finanzieri conclude: «I temi dell’inclusività e della diversity fanno parte del nostro Dna da sempre; il primo Report sulla Diversità e Inclusione (Diversity & Inclusion report) ne è una prova, poiché continuiamo a investire in un cambiamento che enfatizzi la diversità e crei inclusione».

I dipendenti di Punch Torino e affiliate italiane sono più di 700, le nazionalità rappresentate sono 12 e la presenza femminile è costante a circa il 18 percento, percentuale elevata rispetto a altre realtà simili nel campo automotive e industriale in Italia.

punch inclusione
Punch Torino: oltre 700 risorse, espressione di 12 nazionalità, il 18 per cento è donna.

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Re Willem-Alexander inaugura il nuovo impianto di batterie Eleo a Helmond

Il re Willem-Alexander dei Paesi Bassi ha tenuto la cerimonia di apertura del nuovo impianto di batterie di Eleo a Helmond. Di fronte a più di 250 ospiti presso l’Automotive Campus di Helmond, il re ha utilizzato un escavatore elettrico per svelare il primo modulo batteria prodotto dallo stabiliment...
News