Pathways for Africa’s Energy Future”, un report di Wärtsilä, fornisce la modellazione del sistema elettrico di tre paesi africani, Nigeria, Sudafrica e Mozambico. Rivela che potrebbero scavalcare alcune nazioni sviluppate non incorporando sistemi rigidi basati sui combustibili fossili. Per consentire una trasformazione così massiccia sarà essenziale una combinazione di finanziamenti per il clima, pianificazione efficace e riforme del sistema.

Il rapporto di Wärtsilä dimostra che la sostituzione del carbone con l’energia rinnovabile combinata con la flessibilità dei motori e dell’accumulo di energia è il modo più efficace per ridurre i costi energetici, aumentare l’accesso all’energia e migliorare l’affidabilità. La simulazione ha rilevato che l’energia rinnovabile e la flessibilità possono generare energia sufficiente per fornire energia a quasi 100 milioni di persone in Sudafrica, Mozambico e Nigeria che attualmente non hanno accesso all’energia, se abbinata all’infrastruttura di rete richiesta. Questi sistemi richiederanno un investimento totale di circa 119 miliardi di dollari nel prossimo decennio, che non sarà possibile a meno che le nazioni ricche non mantengano la promessa fatta nel 2009 di fornire 100 miliardi di dollari all’anno in finanziamenti per il clima a partire dal 2020.

Håkan Agnevall, Presidente e Ceo di Wärtsilä Corporation, ha dichiarato: “Nonostante contribuiscano per meno del 3% alle emissioni mondiali di carbonio legate all’energia, i paesi africani sono tra i più colpiti dai cambiamenti climatici. La Cop27, ospitata in Egitto, è l’occasione perfetta per mantenere gli impegni finanziari globali per il clima in modo che, come comunità globale, possiamo cogliere questo momento per agire e sbloccare il potenziale rinnovabile dell’Africa. Tale investimento deve essere combinato con una pianificazione efficace e riforme del sistema per aumentare l’accesso all’energia e creare i sistemi di energia rinnovabile del futuro”.

Wärtsilä ha simulato dei percorsi di decarbonizzazione del sistema elettrico per tre paesi africani, ciascuno con punti di partenza diversi e sfide diverse. Risultati chiave della ricerca:

  • La Nigeria può ridurre i costi dell’elettricità del 74% nel suo percorso verso lo zero netto entro il 2060. Il modello di Wärtsilä mostra che la Nigeria può costruire un sistema di energia netta zero rinnovabile al 100% entro il 2060, comprendente circa 1.200 GW di capacità pulita, in linea con il suo “30 -30-30” e obiettivi netti zero. L’impatto è significativo, con il costo di generazione dell’elettricità previsto in calo del 74% entro il 2060 rispetto ai livelli del 2022 e le emissioni che scenderanno a zero.
  • Il Sudafrica può risolvere il suo dilemma di eliminazione del carico e risparmiare 26 miliardi di dollari entro il 2032. Aggiungendo 40 GW di energia eolica e solare fotovoltaica, il Sudafrica può costruire un sistema energetico in grado di soddisfare la domanda di energia attuale e futura. Ciò può fornire una riduzione del 17% delle emissioni del sistema elettrico e ridurre i costi del sistema energetico di 10 miliardi di dollari l’anno entro il 2032.
  • Il Mozambico può ridurre le emissioni e risparmiare 84 milioni di dollari. Aggiungendo 200 MW di energia rinnovabile a basso costo all’anno, il Mozambico può costruire 3 GW di capacità pulita entro il 2032, supportata da 205 MW di nuova capacità di accumulo di energia e 1 GW di capacità del motore di bilanciamento della rete. Ciò ridurrebbe 5,6 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio tra il 2022 e il 2032 e risparmierebbe 84 milioni di dollari sul costo della produzione di elettricità.

LEGGI QUI IL REPORT SULL’EUROPA DI APRILE 2022

In primo piano

Scania Next Generation DC13 e Bruno Generators

Il Diesel of the Year fa irruzione nella generazione di potenza, a firma di Bruno Generators. Il sodalizio tra il gruppo capitanato da Renato Bruno e il fornitore svedese di soluzioni propulsive prosegue dal 2019, sotto le insegne dello Stage V. Il motore siglato 505A equipaggia un gruppo Fusteq, av...

Articoli correlati