Intervista ad Andreas Görtz, capo della business unit Sustainable Power Solutions di Rolls-Royce, sulla sua partecipazione alla Cop27 e sulle tecnologie mtu che possono rendere il mondo più verde con le giuste condizioni.

Ci sono molte crisi in questo mondo, ma questa è la più grande”, ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, riferendosi alla crisi climatica. “Se non lo risolveremo, sarà la fine”. Questa frase mostra quanto sia alta la posta in gioco al vertice mondiale sul clima Cop27 nella località balneare egiziana di Sharm el-Sheikh. Gli 1,5 gradi sono in prima linea nella mente di tutti e i circa 40.000 delegati provenienti da quasi 200 paesi si stanno affannando per trovare il modo di rimanere entro i termini dell’Accordo sul clima di Parigi. Era presente anche Andreas Görtz, capo della business unit Sustainable Power Solutions di Rolls-Royce Power Systems. In questa intervista spiega come i prodotti mtu possano aiutare a risolvere la crisi climatica e quale quadro generale sia necessario per farne buon uso.

Andreas Görtz, lei è ormai da sette mesi responsabile della business unit Sustainable Power Solutions e quest’anno ha partecipato per la prima volta al World Climate Summit. Che aspettative aveva mentre andava all’evento?

In primo luogo, volevo rendere visibile la Rolls-Royce. Abbiamo e stiamo sviluppando molte tecnologie che possono essere utilizzate per generare potenza motrice ed energia a emissioni zero, e voglio attirare l’attenzione su queste e farle conoscere. Voglio anche trovare mercati e investitori per utilizzare i nostri prodotti. Sono convinto che le nostre tecnologie possano aiutare a raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi sancito dall’Accordo sul clima di Parigi.

A quali tecnologie si riferisce?

Innanzitutto, stiamo lavorando su prodotti completamente nuovi come i sistemi di celle a combustibile e gli elettrolizzatori. Non sono ancora pronti per entrare in piena produzione, ma ci stiamo arrivando. Già dal prossimo anno forniremo tre celle a combustibile a zero emissioni di carbonio al porto fluviale di Duisport, dove verranno utilizzate per generare elettricità dall’idrogeno verde. Intendiamo anche lanciare molto presto gli elettrolizzatori. Questi possono essere utilizzati per produrre idrogeno da elettricità verde, e questo è un modo per sbloccare la transizione verso l’energia verde, soprattutto quando si tratta di immagazzinare energia rinnovabile. La domanda di questi prodotti è già enorme e stiamo lavorando sodo per prepararli per il mercato.

Ma stiamo anche adattando i nostri prodotti esistenti a un futuro sostenibile. Molti dei nostri motori a combustione diesel possono già funzionare con carburanti sostenibili come l’Hvo, riducendo drasticamente le loro emissioni di carbonio e inquinanti. Poi stiamo anche lavorando su motori a combustione completamente nuovi funzionanti a idrogeno o metanolo. Il mondo della propulsione e della generazione di energia sta cambiando e lo trovo affascinante. È emozionante vedere la nostra azienda trasformarsi e percorrere il percorso verso lo zero netto. Ho voluto diffondere questa euforia anche alla Cop27. Ho avuto la sensazione che questo vertice fosse molto orientato alla soluzione e riguardasse effettivamente la ricerca di modi specifici per affrontare la crisi climatica.

Alla Cop, ha parlato non solo con potenziali clienti e partner commerciali, ma anche con politici. Di quale quadro generale ha bisogno Rolls-Royce per trasformare queste tecnologie verdi in successi commerciali?

La sicurezza degli investimenti è una questione molto importante, in generale, ma anche alla Cop29. Con il suo “Green Deal”, l’UE ha adottato un enorme pacchetto di investimenti, legislazione e strategie per essere a emissioni zero entro il 2050 e per ridurre le emissioni di carbonio del 55% già nel 2030. Ciò include anche sovvenzioni ai cosiddetti progetti di punta progetti all’avanguardia nella protezione del clima. Questo suona bene, ma manca una legislazione specifica. E tale legislazione è il requisito fondamentale per la sicurezza degli investimenti.

Gli Stati Uniti sono un passo avanti. Joe Biden ha promosso il più grande pacchetto sul clima negli Stati Uniti con l’approvazione dell’Inflation Reduction Act. Anche se questo è meno ambizioso del piano dell’UE – mirando a una riduzione di appena il 40% delle emissioni di carbonio entro il 2030 – il piano è già legge. Gli Stati Uniti stanno investendo 369 miliardi di dollari in tecnologie pulite. Ed ecco un’altra grande differenza rispetto all’Europa: tutte le opzioni tecnologiche sono aperte. Ad esempio, esiste un credito d’imposta fino a tre dollari per chilogrammo di idrogeno prodotto in modo sostenibile. Ciò renderà gli Stati Uniti uno dei luoghi più economici al mondo per la produzione di idrogeno pulito.

Inoltre, non importa come viene prodotto questo idrogeno: l’importante è che sia verde. Mantenere aperte le opzioni tecnologiche in questo modo è dove l’Europa spesso fallisce. Stiamo tendendo a regolamentare eccessivamente la transizione verso l’energia verde, facendo più male che bene. Se lo stoccaggio di energia rinnovabile deve essere avanzato, non fa differenza se questo viene fatto utilizzando un impianto di accumulo di pompaggio o un impianto power-to-X. È il risultato finale che conta. Questo è qualcosa che noi in Europa potremmo imparare dagli Stati Uniti.

Del resto la Cop27 si è tenuta in Africa per un motivo: è il continente più colpito dal cambiamento climatico.

E non è tutto: l’Africa non è solo quella che soffre maggiormente della crisi climatica e ne subisce gli effetti più direttamente: il continente è responsabile solo di una frazione delle emissioni di carbonio. Noi ricchi paesi industrializzati abbiamo vissuto per decenni a spese del clima. Questo conflitto è palpabile qui. Gli africani, giustamente, si aspettano che li aiutiamo mentre si allontanano dai combustibili fossili.

Allo stesso tempo, la crisi climatica offre anche ai paesi africani l’opportunità di beneficiare economicamente ed esportare energia verde, sia sotto forma di elettricità che di idrogeno.

Giusto. Molto di questo riguarda l’esportazione di energia sostenibile dall’Africa o dalla regione del Golfo verso l’Europa o gli Stati Uniti. Si parla di posa di cavi sottomarini per portare l’energia verde direttamente in Europa. Si parla anche di gasdotti per l’idrogeno. E non si tratta solo di elettricità e idrogeno: sono in discussione anche metanolo e ammoniaca, combustibili che si possono produrre dall’idrogeno e sono più facili da trasportare, essendo liquidi e non gassosi come l’idrogeno.

Che impatto sta avendo l’attuale crisi energetica sugli sforzi per trovare modi a emissioni zero di generare elettricità e forza motrice?

Questo è un problema complesso di cui ho appena parlato in una tavola rotonda. Sfortunatamente, in Europa siamo attualmente costretti a sovvenzionare i combustibili fossili per mantenerli accessibili sia all’industria che alle famiglie. Questo è, ovviamente, insostenibile e controproducente quando si tratta di produzione di energia verde.

Ma la questione è in realtà più complessa di così. Poiché l’Europa sta pagando questi altissimi prezzi dell’energia, il mercato mondiale è completamente concentrato sull’Europa. Le grandi navi cisterna di Gnl, ad esempio, navigano oltre i paesi più poveri verso l’Europa perché qui ottengono più soldi per il loro gas. Questi paesi più poveri non possono permettersi di sovvenzionare l’energia fossile e introdurre limiti di prezzo. Diventa inaccessibile lì e i Paesi sono costretti a investire nella produzione di energia sostenibile. In questi Paesi la crisi è già un acceleratore di energie sostenibili.

A medio termine, sarà così anche qui in Europa. Tutti sanno che il nostro futuro risiede nell’energia generata in modo sostenibile. Abbiamo solo bisogno di un po’ più di tempo prima di essere pronti.

Ultima domanda: quando riterrà che la conferenza sul clima sia stata un successo?

Quando avrò la certezza della sicurezza degli investimenti in Europa e riusciremo a trovare un equilibrio tra i paesi più poveri e quelli più ricchi. Solo aiutando i paesi più poveri ad abbandonare i combustibili fossili abbiamo una possibilità di risolvere la crisi energetica a livello globale. Le tecnologie ci sono, dobbiamo solo metterle in funzione.

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Fpt Industrial all’Iaa: XC13 e il futuro del multicarburante

Allo stand di Fpt Industrial abbiamo intercettato Philip Scarth, Head of open innovation e general manager di Arbon, per una ricognizione di quanto Fpt ha annunciato ed esposto allo Iaa di Hannover. Sotto le luci dei riflettori sono inevitabilmente finiti l’XC13, erede multicombustibile del Cursor 1...