Rolls-Royce ha iniziato, insieme a un consorzio di cinque aziende e istituti di ricerca (progetto Phoenix), a sviluppare le tecnologie necessarie per un motore a combustione a idrogeno altamente efficiente, unico nel suo genere, destinato ad alimentare sistemi di cogenerazione.

Nell’ambito del progetto Phoenix (Performance Hydrogen Engine for Industrial and X), finanziato dal governo tedesco, il consorzio mira a generare la stessa energia elettrica e termica (densità di potenza ed efficienza) attualmente disponibile tramite unità di cogenerazione a gas naturale nella gamma di potenza più elevata fino a 2,5 MW. Quando alimentata da idrogeno verde, questa centrale elettrica stazionaria di nuova generazione sarà in grado di funzionare in modo completamente carbon neutral. Il progetto è finanziato dal Ministero federale tedesco per gli affari economici e la protezione del clima con un totale di quasi cinque milioni di euro.

Siamo convinti che i motori a combustione continueranno a essere una parte essenziale della fornitura di un’alimentazione energetica affidabile durante la transizione energetica”, ha affermato Jörg Stratmann, CEO di Rolls-Royce Power Systems. “Li stiamo rendendo rispettosi del clima con carburanti sostenibili. Ecco perché noi di Rolls-Royce stiamo investendo nello sviluppo di motori a idrogeno di prossima generazione. Il consorzio nel progetto Phoenix, con la sua competenza combinata, è una garanzia del successo nell’affrontare questa importante sfida tecnica”.

Rolls-Royce ha già sviluppato un motore a combustione mtu alimentato a gas che può usare l’idrogeno come combustibile, ma il progetto Phoenix svilupperà la tecnologia per un motore a idrogeno di prossima generazione ancora più efficiente. L’idrogeno è uno dei combustibili alternativi utilizzati da Rolls-Royce per rendere il suo portafoglio di motori più sostenibile. RRPS sta rendendo il suo portafoglio di motori alternativi mtu compatibile con combustibili alternativi come il diesel rinnovabile (HVO) e gli e-fuel, oltre a essere fortemente coinvolta nell’esplorazione dell’uso del metanolo per applicazioni marine.

I partecipanti al progetto Phoenix stanno sviluppando i componenti necessari per un motore a combustione a idrogeno unico nel suo genere, come il sistema di iniezione, il gruppo pistone e il sistema di accensione, nonché un lubrificante completamente nuovo. I partner del progetto sono: Rolls-Royce come coordinatore; l’Istituto per sistemi di propulsione mobile sostenibili presso la Technical University of Munich; MAHLE Konzern; Fuchs Lubricants Germany GmbH; l’Istituto federale tedesco per la ricerca e la sperimentazione sui materiali (BAM); e Robert Bosch AG.

Il progetto congiunto dovrebbe durare tre anni. Entro quella data, sarà stato sviluppato un concetto tecnologico sufficientemente maturo per l’uso in un prototipo completo di motore.

Le centrali elettriche a idrogeno seguono gli impianti a gas naturale e biogas

Come parte della sua strategia per le centrali elettriche, che include l’espansione delle energie rinnovabili, il governo tedesco ha deciso di costruire più centrali elettriche a gas per compensare la variabilità delle risorse rinnovabili. In particolare, centrali a gas più piccole e decentralizzate che possono compensare in modo flessibile l’immissione fluttuante di energia eolica e solare nella rete, che varia a seconda delle condizioni meteorologiche. Per ridurre le emissioni di CO2, vengono attualmente utilizzati gruppi elettrogeni a biogas e, in alcuni casi, i primi motori a gas convertiti per l’idrogeno.

Non appena la disponibilità di idrogeno verde sarà garantita su larga scala, la tecnologia degli impianti di cogenerazione dell’idrogeno ad alta efficienza promossa nel progetto Phoenix sarà pronta per l’uso”, ha spiegato Tobias Ostermaier, Presidente di Stationary Power Solutions all’interno della divisione Power Systems di Rolls-Royce.

In primo piano

Articoli correlati

Deutz acquisisce Blue Star Power Systems

Deutz ha firmato un accordo per acquisire il 100% delle azioni di Blue Star Power Systems. La società, con sede a North Mankato, Minnesota (USA), sviluppa, produce e vende gruppi elettrogeni ed è uno dei principali produttori nel mercato statunitense.