L’elettricità spiana la strada al ritorno di Mg e Maxus nel vecchio continente. I due marchi verranno reintrodotti in Europa da Saic, il più grande costruttore di auto del celeste impero, che li ha fatti suoi rispettivamente nel 2005 e 2011. Entro il 2019 i due loghi torneranno a campeggiare sulle strade europee. Sotto i riflettori, in particolare, c’è innanzitutto il prototipo elettrico E-motion messo in campo da Mg alla recente vetrina dell’Auto Shanghai motor show. Non solo: Maxus si ripromette di essere il primo brand ad offrire sistemi di trasmissione fully electric pensati per il settore dei veicoli commerciali leggeri. Le novità non tarderanno: il progetto pilota partirà a breve, in estate, e sarà messo alla frusta da una serie di grandi operatori uniti a Saic da un’accordo volto alla sperimentazione del modello.

E-motion: Mg pensa ai giovani

Non a caso Saic ha inaugurato un nuovo quartier generale in Lussemburgo. La capitale del piccolo stato nordeuropeo sarà il baluardo da cui far partire una strategia d’attacco a dimensione continentale. Per cominciare, la E-motion firmata Mg strizza l’occhio al target dei giovani, offrendo il massimo delle tecnologie di connettività in un’accattivante berlina a due porte. Il motore è in grado di toccare, partendo da fermo, i 100 chilometri all’ora in meno di quattro secondi. L‘autonomia? Oltre 500 chilometri, promette la casa. L’illuminazione è a led: nella griglia frontale trova posto un disegno a stella, mentre i gruppi ottici posteriori prendono spunto da un’estetica senza tempo. «Il nostro team direttivo in Europa sta attualmente valutando la gamma di veicoli, oltre alla strategia di distribuzione e assistenza. Ciò che è già certo è che Mg non seguirà un modello tradizionale di concessionari franchising», così Pieter Gabriëls, managing director di Saic Mobility Europe.

Un progetto firmato Maxus

Il Maxus Ev80 è il primo veicolo full electric realizzato da Maxus, e sarà il primo nella propria categoria ad esser dotato di una trasmissione elettrica. Offre uno spazio di carico nell’ordine dei 10 – 11 metri cubi a seconda del modello, con una capacità di carico di 950 chili e un’autonomia di oltre 200 chilometri. «Siamo felicissimi di essere i primi a offrire un veicolo commerciale totalmente elettrico a grandi operatori durante quest’estate. I feedback che riceveremo lavorando con questi grandi operatori sarà fondamentale per pianificare il lancio ufficiale del brand in Europa nel 2019», sempre Gabriëls.

In primo piano

Articoli correlati

I primi 50 anni di Scania in Italia

La sua storia in Italia inizia negli anni Settanta quando Armando Rangoni, riconoscendo nel marchio Scania un grande valore, fonda la società indipendente “Italscandia Autocarri S.p.A.”, ottenendo il mandato per l’importazione dei prodotti della Casa svedese.