Saim Marine presenta una soluzione di Zipwake, la casa svedese che, dalla sua nascita, ha sempre presentato proposte innovative. Con questa novità compie un importante passo nel campo dei sistemi di stabilizzazione basati sui correttori d’assetto e consente a Saim Marine, il distributore in Italia per i prodotti Zipwake, di offrire ai propri clienti un’ulteriore soluzione innovativa, soddisfare le richieste per liberare spazio sulla plancia e poter installare schermi più grandi, per una maggiore flessibilità ed integrazione dei sistemi di bordo.

L’ultima novità Zipwake si chiama Integrator Module. Consente di integrare il sistema dei correttori d’assetto Zipwake ai più diffusi tipi di display multifunzione (Mfd) e/o smart device e permette comandi più facili ed intuitivi, oltre a lasciare la plancia più libera ed ordinata senza il bisogno di installare dei pannelli di controllo dedicati agli interceptor.

L’Integrator Module di Zipwake offre la possibilità di connettere fino a 3 pannelli di controllo dedicati per funzionare attraverso il comando a ruota oltre che touch screen. Un’interfaccia Can consente un’ulteriore integrazione di sistema con l’esterno. Permette inoltre di configurare, operare, monitorare ed aggiornare il sistema in modo wireless su smartphone e tablet tramite l’app Zipwake.

Inoltre, grazie alle sue caratteristiche waterproof, il nuovo sistema può essere installato dietro alla timoneria/plancia, sul flybridge o in sala macchine. Viene fornito con uno speciale collare per il connettore ethernet che consente di sigillare facilmente un cavo ethernet standard. Un unico cavo mette in connessione il dispositivo ad un display multifunzione. L’Integrator Module è compatibile con tutti i componenti del sistema Zipwake ed è disponibile come accessorio, parte di ricambio oppure incluso in un kit di sistema.

In primo piano

Articoli correlati

AS Labruna al Nauticsud 2024 con il gozzo a idrogeno

Grande novità al Nauticsud quest’anno. AS Labruna si conferma leader dell’innovazione in campo nautico presentando Futura II e Solemio, interpretando il tradizionale gozzo napoletano in chiave green, con un esemplare elettrico alimentato a idrogeno.