I dati finanziari del 2022 confermano nuovamente il trend di crescita degli ultimi anni di Vanzetti Engineering, con un incremento del fatturato del 32% rispetto al 2021.

Nello specifico, il 15% del fatturato proviene dal mercato italiano e l’85% da quelli esteri. Metà del fatturato totale dell’ultimo anno arriva dal mercato europeo, mentre nel resto del mondo si registra un notevole incremento proveniente dall’area dell’Asia Pacifica (+14%).

Ad ulteriore conferma della crescita costante degli ultimi anni, Vanzetti Engineering è stata selezionata dall’Istituto Tedesco Qualità e Finanza (Itqf), nel suo ultimo studio “I campioni della crescita”, tra le 800 Pmi italiane individuate come motore della ripresa in base alla crescita media annua nel triennio 2018-2021. 

Valeria Vanzetti Ghio, Amministratore Unico di Vanzetti Engineering, commenta così i soddisfacenti risultati del 2022: “Quest’anno i cambiamenti geopolitici ci hanno dato la possibilità di rivedere i nostri piani, dando spazio a strategie nuove e a mercati finora ancora inesplorati. Con la consapevolezza che la strada da percorrere sia ancora molta, sono felice che anche nel 2022 Vanzetti Engineering abbia fortemente consolidato il proprio business navale, ma che abbia anche saputo difendere le altre aree di business. Il trend positivo è segno di come il mercato sia in attesa di nuove risposte tecnologiche immediate e sostenibili”.

Ordini in crescita soprattutto nel settore navale

In generale, il portafoglio ordini del 2022 ha registrato +70% rispetto all’anno precedente.

A trainare la crescita dell’ultimo anno è stato soprattutto il settore navale. Infatti, la business unit marine è quella che ha realizzato la quota maggiore del fatturato, raddoppiato rispetto a quello dell’anno precedente. Nello specifico, c’è stato un notevole incremento della vendita di pompe criogeniche alternative ad alta pressione (VT-3) e il consolidamento di quelle a bassa pressione (serie Artika) per sistemi di alimentazione per motori marini e di rifornimento navi.

Vanzetti Engineering è entrata nel mondo dell’alta pressione già nel 2019 con le prime referenze nel settore navale provenienti dalla bassa pressione. Tuttavia, il notevole incremento degli ordini per l’alta pressione si è verificato a partire dal 2021, andandosi poi a consolidare durante il corso di tutto il 2022.

Quest’anno l’incremento è dipeso soprattutto dal progressivo processo di decarbonizzazione nello shipping. Infatti, il Gnl nel trasporto marittimo consente l’azzeramento degli ossidi di zolfo, la riduzione dell’85% degli ossidi di azoto, la riduzione del 95% del particolato e anche il contenimento, nell’ordine del 20%, delle emissioni di CO2. Pur trattandosi di un combustibile fossile, il Gnl rappresenta la porta di accesso ai nuovi carburanti alternativi, perché può essere integrato con il bio-Gnl e aprire così la strada ad ulteriori sviluppi. Basti pensare che, secondo uno studio realizzato dall’Istituto sull’inquinamento Atmosferico del Consiglio nazionale delle ricerche (CNR-IIA), il biometano liquefatto avrà un ruolo di primo piano nel processo di decarbonizzazione dei trasporti e nella riduzione dell’inquinamento atmosferico, anche alla luce degli obiettivi di neutralità carbonica fissati dall’Unione Europea per il 2050. 

Inoltre, l’incremento dell’uso di Gnl in ambito navale è legato anche al tema della sicurezza energetica e alla scelta dei governi europei di ridurre la dipendenza dal gas russo in seguito alla guerra in Ucraina. L’uso crescente del Gnl come combustibile navale è possibile grazie all’aumento dei flussi commerciali di gas naturale importati in Europa su navi metanifere, con l’obiettivo di sostituire progressivamente i flussi di gas prima veicolati attraverso i gasdotti tra Europa e Russia.

Quindi, nel breve termine il Gnl si conferma come l’unica soluzione praticabile per lo shipping e, per i prossimi anni, si prevede un ulteriore incremento di navi green alimentate a Gnl.

Il mercato europeo

Per quanto riguarda l’Europa, la Germania si conferma per Vanzetti Engineering il mercato più consistente a livello di quote di fatturato, con un consolidamento in ambito navale, dovuto soprattutto al rafforzamento dei rapporti commerciali, e un buon andamento anche del settore dei gas industriali. 

Si è verificata una crescita nel mercato UK in tutti in settori, in special modo nella business unit industriale (Lnl) e dei gas industriali (Lin, Lox, Lar, med-Lox): un trend che riprende la crescita registrata nel 2020, che aveva invece subito un rallentamento nel 2021. Una quota è stata segnata anche per la business unit navale che fino al 2021 non aveva registrato ordini in questo mercato. 

Anche il mercato francese e il mercato spagnolo hanno visto un consolidamento nel settore dei gas industriali, con un fatturato raddoppiato rispetto al 2021.

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati