All’interno del piano di azione italo-tedesco per la cooperazione strategica bilaterale e nell’Unione Europea, emerge la necessità di stringere i rapporti tra i due principali paesi manifatturieri europei. Karl Haeusgen, presidente di Vdma (Verband deutscher maschinen und anlagenbau), che rappresenta 3.600 aziende tedesche ed europee del settore dell’ingegneria meccanica e impiantistica, ha dichiarato: «La cooperazione strategica ora concordata al più alto livello tra Italia e Germania è un passo importante, in realtà atteso, soprattutto per quanto riguarda il processo decisionale nell’UE. Un’alleanza italo-tedesca può fare molto, in particolare per l’ulteriore sviluppo del mercato interno e della politica per le PMI, e anche motivare altri Paesi dell’UE ad aderire alle iniziative. Due nazioni fortemente industrializzate come la Germania e l’Italia, caratterizzate da un settore di Pmi altamente innovativo e orientato all’esportazione, hanno interessi comparabili nelle questioni di politica industriale e dovrebbero articolarli in modo coordinato all’interno dell’UE. Purtroppo, questo aspetto è stato trascurato negli ultimi anni. È quindi giusto istituzionalizzare la cooperazione tra Germania e Italia attraverso un forum ministeriale annuale tra il Ministro italiano per le Imprese e il Ministro tedesco per gli Affari economici. Il Vdma, in qualità di rappresentante delle imprese meccaniche tedesche e italiane, è pronta ad accompagnare e sostenere attivamente questa iniziativa e anche i preparativi per il forum ministeriale annuale»

Karl Haeusgen, Presidente di Vdma

La filiazione italiana di Vdma

Da maggio di quest’anno il Vdma è rappresentato da un ufficio in Italia. VdmaA Italia, con sede a Castelmaggiore, nei paraggi di Bologna, è diretta da Raffaele Talarico e rappresenta il punto di contatto per gli associati italiani del Vdma e per le filiali italiane delle aziende tedesche associate. L’ufficio di Bologna è la quinta sede europea del Vdma dopo Bruxelles, Vienna, Maastricht e Varsavia.

A proposito di relazioni industriali tra Roma e Berlino

  • In Italia hanno sede circa 1.800 aziende tedesche con circa 200.000 dipendenti.
  • Quasi 500 aziende tedesche di ingegneria meccanica e impiantistica offrono più di 70.000 posti di lavoro in Italia, tra cui quasi 250 aziende associate alla Vdma con un totale di 463 filiali.
  • Nel 2022 le consegne di macchinari tedeschi in Italia sono state pari a 9,6 miliardi di euro (+10,4%). La tendenza positiva è proseguita anche nei primi nove mesi del 2023: le esportazioni di macchinari tedeschi verso l’Italia sono aumentate del 6,4%, raggiungendo i 7,7 miliardi di euro. 
  • Nel 2022, l’Italia è stata il secondo fornitore estero di macchinari, sistemi, componenti e parti della Germania, dopo la Cina, con 7,8 miliardi di euro.
  • Nel 2022, gli investimenti diretti tedeschi in Italia ammontavano a circa 40 miliardi di euro, mentre le imprese italiane investirono in Germania circa 35 miliardi di euro.
  • In Europa, la maggior parte degli investimenti diretti tedeschi nel settore dell’ingegneria meccanica è destinata all’Italia (5,4%). 
vdma

In primo piano

Articoli correlati

Hitachi Energy ha acquisito Coet, produttore di apparecchiature elettriche

Hitachi Energy rafforza la propria posizione nel settore della mobilità elettrica con l’acquisizione del produttore italiano Coet. La società con sede nel milanese è specializzata nella progettazione e produzione di apparecchiature di potenza destinate alla mobilità elettrica, al settore ferroviario...
News