Hyundai Seasall, Mercury, Huracan. C’è tanta tecnologia al servizio dei cantieri Vizianello, che realizzano i taxi ibridi per la laguna di Venezia.

Siamo andati alla scoperta di questo innovativo e intrigante progetto, che mira a ridurre notevolmente le emissioni legate al traffico di imbarcazioni in laguna. Al momento è un po’ ridotto, causa pandemia, ma solitamente molto intenso.

L’articolo completo pubblicato su DIESEL Luglio/Agosto lo potete leggere qui. Di seguito un estratto.

Vizianello taxi ibridi

I taxi ibridi Vizianello sotto coperta: ibrido in salsa coreana

Disegnato da Nuvolari Lenard, l’eThunder è in grado di offrire a 14 passeggeri un’esperienza di viaggio unica.

La ricetta è (apparentemente) semplice. Si tratta di affiancare un motore elettrico alla consueta unità diesel. Uno Hyundai Seasall, detarato a 110 kW a 3.000 rpm per rispettare la normativa sul trasporto passeggeri non di linea.

Disponibile nella versione base con una potenza ben superiore, conserva anche con questa taratura tutti i pregi delle versioni più prestanti.

Tornando al Thunder, è stata sufficiente l’aggiunta di qualche decina di chilowatt elettrici per trasformare completamente il profilo d’uso del classico taxi operante in laguna, trasformandolo in una barca in grado di muoversi sino a 15 km/h a emissioni zero e in assoluto silenzio.

Vizianello taxi ibridi

Tra l’altro, in molti canali di Venezia spesso si viaggia, a causa dei limiti progressivamente introdotti, al massimo a 10 km/h e, a volte, anche a qualche km/h in meno. Se, dunque, la velocità in modalità elettrica è più che sufficiente, la possibilità di viaggiare sino a 90 minuti col pacco batterie standard da 14 kWh è altrettanto adeguata. Poi, per la ricarica, è sufficiente una presa a 220V.

Se il diesel ricarica le batterie

E se si vuole più autonomia, basta optare per il pacco batterie maggiorato da 22 kWh.

Certo, anche la massa si allontana dai 168 chili della versione standard ma, ed è questo quello che conta, lo scafo nasce già predisposto per l’installazione di batterie supplementari. Anzi, a dirla tutta, se proprio accade che le batterie si scarichino lontano dalla colonnina, alla ricarica può pensare direttamente il diesel.

Infatti, grazie all’elettronica di comando e controllo sviluppata in collaborazione con Huracan, il comandante deve solo impostare la potenza richiesta e il sistema passa in modo automatico dalla propulsione elettrica a quella diesel e viceversa. E se le batterie meritano una ricarica, il sistema di controllo adegua la potenza destinata alla ricarica in funzione delle esigenze di navigazione, destinandole solo la quota in eccesso.

Leggi l’articolo completo a pagina 28

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Re Willem-Alexander inaugura il nuovo impianto di batterie Eleo a Helmond

Il re Willem-Alexander dei Paesi Bassi ha tenuto la cerimonia di apertura del nuovo impianto di batterie di Eleo a Helmond. Di fronte a più di 250 ospiti presso l’Automotive Campus di Helmond, il re ha utilizzato un escavatore elettrico per svelare il primo modulo batteria prodotto dallo stabiliment...
News