Bruno Generators Group, uno dei principali player a livello internazionale nella progettazione, produzione, distribuzione e noleggio di gruppi elettrogeni e torri faro di fascia premium per potenze medio-alte, vedrà l’acquisizione di una quota del 40% da parte della piattaforma di investimenti Space Capital Club.

Nel 2022 il Gruppo prevede un fatturato di oltre 120 milioni di euro (con più del 60% realizzato all’estero), ed un Ebitda margin pari a circa il 25%. L’obiettivo dell’investimento di Space Capital Club è quello di supportare lo sviluppo internazionale del gruppo, con particolare attenzione al mercato nordamericano e australiano, e di accompagnare l’azienda alla quotazione in Borsa nell’arco di 3/5 anni

L’operazione consiste nell’acquisizione di una quota pari a circa il 40% del capitale sociale di Bruno Generators, attraverso un veicolo partecipato dai soci di Space Capital Club e finanziato in parte con debito bancario, nell’ambito di una riorganizzazione dell’azionariato familiare. Renato Bruno, amministratore delegato, e il fratello Giuseppe, rimarranno azionisti di maggioranza continuando il processo di sviluppo del Gruppo. 

Bruno Generators: una presenza consolidata

Oggi Bruno Generators Group, è uno dei principali operatori a livello mondiale nel settore della power generation. Il Gruppo è oggi focalizzato nella ingegnerizzazione e produzione di sistemi di generazione di fascia premium, con un’elevata personalizzazione e performance ai vertici del settore in termini di efficienza energetica, contenimento delle emissioni, insonorizzazione acustica e resistenza a condizioni ambientali estreme. Tali caratteristiche di prodotto, derivanti dall’attività di ricerca e sviluppo proprietaria, sono protette da brevetti e vengono particolarmente apprezzate dal mercato rental, a cui il Gruppo è esposto sia come fornitore Oem dei principali operatori attivi nel comparto (25% del fatturato), sia prestando un servizio diretto di noleggio tramite una flotta di circa 1.000 gruppi elettrogeni in Italia. 

Il Gruppo, con 4 stabilimenti in Italia (Piacenza, Grottaminarda, Bari e Milano), ed una presenza commerciale diretta in UK, Usa e Germania, vanta una presenza internazionale consolidata (export pari a oltre il 60% del fatturato) in più di 70 paesi con un’ampia ed eterogenea base di clienti attivi in mercati di riferimento diversificatiBgg ha recentemente acquisito Ftg Equipment Inc., il proprio distributore in Usa, che rappresenterà la base per la futura crescita sul mercato americano. 

Nel consiglio di amministrazione della società affiancheranno il Ceo Renato Bruno e Giuseppe Bruno: Andrea Abbati Marescotti (presidente del comitato investimenti di Scc, già amministratore delegato di Brembo dal 2011 al 2019 con vent’anni di carriera nel gruppo Fiat Cnh), Edoardo Subert, Alfredo Ambrosio, Giorgio Paris (VP di Volvo Penta) e Domenico De Gianni (manager di Bgg). L’operazione prevede inoltre il rafforzamento della squadra manageriale con l’ingresso di nuove figure, tra cui un Cfo, che saranno scelte congiuntamente da tutti gli azionisti. 

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati