Deutz ha adottato un codice dei diritti umani a livello di gruppo. Documenta la strategia di tolleranza zero dello specialista della guida verso l’abuso dei diritti umani universali, inalienabili e indivisibili.

Prendiamo molto seriamente la nostra responsabilità nei confronti delle generazioni future e dell’ambiente. Ciò significa anche garantire che i diritti umani siano rispettati senza eccezioni e in ogni momento. La guerra in corso in Ucraina, in particolare, ha dimostrato che non possiamo darlo per scontato”, afferma Sebastian C. Schulte, Ceo di Deutz. Per sottolineare l’importanza di questo argomento, Deutz ha riassunto i principi dei diritti umani che sono più rilevanti nel suo codice dei diritti umani. Si basa su leggi nazionali e interne, su convenzioni e dichiarazioni come i Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani, sulle convenzioni fondamentali dell’Organizzazione internazionale del lavoro e sul Global Compact delle Nazioni Unite. “Consideriamo il rispetto del nostro codice sui diritti umani una parte essenziale delle nostre interazioni interne ed esterne. Ciò vale sia per i nostri dipendenti che per i nostri partner commerciali”, aggiunge Schulte.

Deutz: Taking Responsibility

Deutz crede fermamente che la gestione di successo e sostenibile di un’azienda dipenda non solo dal raggiungimento degli obiettivi finanziari, ma anche dal modo in cui vengono raggiunti. L’obiettivo è lottare per il successo commerciale pur adempiendo alle proprie responsabilità aziendali, sociali e ambientali. Questa ambizione si riflette nel nome della nuova strategia di sostenibilità, Taking Responsibility.

In qualità di membro del Global Compact delle Nazioni Unite, Deutz non solo sostiene e rispetta i diritti umani all’interno della propria sfera di influenza, ma si impegna anche a garantire di non essere complice di violazioni dei diritti umani da parte di terzi. L’azienda si aspetta quindi che anche i suoi clienti, fornitori e altri partner commerciali aderiscano al suo codice sui diritti umani.

Deutz pubblicherà la sua prima dichiarazione di principi relativa alla sua strategia sui diritti umani nel 2023, che identificherà i rischi ambientali e i rischi per i diritti umani lungo la catena di fornitura.

Come parte della sua strategia complessiva di sostenibilità, Deutz si è prefissata obiettivi relativi agli aspetti di sostenibilità nella catena di fornitura dal 2019. Questi includono il monitoraggio della conformità al codice di condotta dei fornitori di Deutz e una valutazione dei fornitori utilizzando una piattaforma di rating Esg (Environmental Sustainable Goals). Il codice dei diritti umani è disponibile qui.

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Confronto: 10-11 litri industriali

Come noto a chiunque abbia un minimo di confidenza con i giochi di carte, l’asso di briscola vale undici punti, come i litri del nuovissimo DW5. Scania ha varato la piattaforma Super e dopo appena un anno l’ha adattata anche alle esigenze delle applicazioni mobili industriali. Tra i motori da 10 e 1...