Da 11mila a 18mila metri quadri: lo stabilimento produttivo di Brunico in Alto Adige, destinato alla produzione di trasmissioni elettriche, cresce: così Gkn adegua il passo a quello della domanda di veicoli elettrici e ibridi proveniente dal mondo degli Oem. Il progetto di espansione del sito produttivo, aperto negli anni ’60, sarà completato entro il 2019.

Le trasmissioni elettriche al centro

Lo stabilimento altoatesino focalizzerà interamente la sua attenzione sulla produzione di trasmissioni elettriche. La realizzazione di altri tipi di driveline sarà trasferita in altri stabilimenti europei. A Brunico saranno anche prodotti sistemi di trazione integrale, così come unità elettroniche di gestione della coppia. Per gli operatori dello stabilimento sono in vista grossi cambiamenti: un numero tra i 70 e gli 80 lavoratori che attualmente si occupano di constant velocity joint (CVJ) verranno impiegati nella produzione di eDrive. In tutto, lo stabilimento occupa circa 800 persone. Del resto, il concetto di trazione ibrida Gkn è tra i protagonisti della scena attuale in ambito di tecnologie di propulsione: il sistema a volano di accumulo dell’energia ad alta efficienza offre vantaggi significativi, tra cui riduzione dei consumi e delle emissioni e prestazioni efficientate.

Assali a prova di supercar Volvo e Bmw

Tra la componentistica che attualmente viene sfornata dalla fucina di Brunico, fa bella mostra di sé l’assale elettrico (eAxle), lanciato un anno fa e già vincitore del premio Pace. Il dispositivo ha trovato alloggio su ibridi plug-in Volvo. Gkn ha anche firmato il primo assale elettrico a due velocità mai realizzato: lo si trova sulle auto sportive Bmw i8. «Quello di Brunico si è già affermato come un centro d’eccellenza per la produzione di sistemi di trazione elettrica – le parole di Peter Moelgg, Ceo della sezione Driveline All-wheel and eDrive di Gkn -. Questa espansione permetterà alla produzione di trasmissioni elettriche di fare un salto di qualità».

Anche la Cina nel futuro

Oltre al Trentino, Gkn produce eDrive anche in Giappone, e inizierà a realizzarne anche in Cina a partire dall’anno prossimo, grazie alla joint venture col partner Sds. La produzione di Cvj sarà spostata in altre fabbriche europee, mentre l’area “Off Highway” sarà trasferita in un nuovo stabilimento nella vicina cittadina alto-atesina di Monguelfo-Tesido, a meno di venti chilometri da Brunico.

In primo piano

Articoli correlati

Tenneco presenta un HRS per gli ammortizzatori passivi Monroe

Tenneco ha presentato un innovativo sistema di arresto idraulico del rimbalzo (HRS), altamente configurabile, che riduce al minimo l’energia di rimbalzo dell’ammortizzatore e la rumorosità riscontrate nei BEV e in altri veicoli passeggeri relativamente pesanti. Il sistema si chiama Monroe Ride Refin...

Friwo amplia il suo portafoglio di prodotti per la mobilità elettrica

Friwo, produttore di caricabatterie e soluzioni di azionamento elettrico all’avanguardia dal punto di vista tecnico, sta ampliando il suo portafoglio di prodotti esistente nel campo dell’elettromobilità con l’avanzata unità di controllo motore MC1.5-55A-48V, che è stata sviluppata appositamente per ...