Dopo aver lanciato con successo l’Hydrogen Valley di Mantova, aggiudicandosi il massimo dei fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza, lo sviluppatore di progetti ad energia rinnovabile Hive Energy ha confermato i piani per lo sviluppo di una seconda Hydrogen Valley a Ferrara.

Ferrara e Mantova sono storicamente collegate attraverso il fiume Po, che ha sempre rappresentato un importante via di scambio commerciale. L’obiettivo di Hive è quello di riaprire questa via commerciale per trasportare l’idrogeno e l’ammoniaca verde e ha dato al progetto il nome Estense, in onore della Casata degli Este, storica famiglia del periodo medievale ferrarese.

L’ulteriore anello di collegamento tra Ferrara e Mantova è legato al settore chimico, attraverso il comparto petrolchimico, un tempo denominato Montedison, che ha comportato durante gli anni, un notevole inquinamento dei terreni. Estense Green Hydrogen Valley sosterrà la transizione energetica in tutto il Nord Italia e trasformerà positivamente la città attraverso lo sviluppo dell’hub dell’idrogeno e la produzione di combustibile rinnovabile, portando importanti investimenti a Ferrara.

Il terreno dove sorgerà il sito è stato individuato in una zona industriale della città. Hive sta ricercando dei fondi pubblici del Pnrr per finanziare in parte il progetto e sta collaborando con un importante studio di ingegneria locale e con l’Univesità di Ferrara, attraverso la facoltà di Architettura, per supportarne la costruzione.

Hive Energy ha già lanciato con successo un progetto di Hydrogen Valley in Italia. All’inizio di quest’anno, Hive insieme allo sviluppatore italiano Renovo Bioeconomy, ha annunciato la costituzione di una joint venture denominata RenHive, per sviluppare progetti di idrogeno verde in Italia alimentati da fonti ad energia rinnovabile. La joint venture RenHive ha ottenuto un notevole successo per il progetto di Mantova in cui sono stati assegnati 20 milioni di euro attraverso il Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Stefano Salerno, Country Manager italiano di Hive Energy e azionista del progetto attraverso SunLeonard Energy, ha commentato: “Questo progetto mi sta molto a cuore. Sono cresciuto a Ferrara e ho frequentato l’Università della Città. Sono entusiasta di vedere l’impatto positivo che l’Hydrogen Valley avrà su quest’area, così come sulla transizione energetica in tutt’Italia, nei prossimi anni”.

Una volta completato, il progetto produrrà 1.500 tonnellate di idrogeno verde ogni anno e sarà alimentato da un parco fotovoltaico con una capacità di circa 18 MW. L’idrogeno verde prodotto da questo sito fornirà un’alternativa al carburante a basse emissioni per i cosiddetti settori “hard to abate” in tutta Italia.

Dopo il lancio del nostro progetto dell’Hydrogen Valley di Mantova, Hive continua a dimostrarsi leader nello sviluppo dell’idrogeno verde in Italia. Siamo molto entusiasti di lavorare per realizzare questi progetti che sosterranno la transizione energetica dell’Italia e creeranno un futuro più verde per il nostro pianeta”, continua Stefano Salerno.

In primo piano

Articoli correlati

Tonissi Power e Orcan Power, insieme per l’Orc

Tonissi Power ha organizzato un incontro dal titolo “Orcan Energy, ricicliamo il calore in energia pulita”. Dove? Al Museo Nicolis di Villafranca di Verona, testimonianza del contributo italiano all’ingegneria e al design automobilistici. Lì abbiamo assistito all’applicazione del recupero di energia...