Iveco e l’agricolo ripartono ed è il caso di dire: ‘pronti, ai posti, via!’. C’è fermento, tra le applicazioni industriali, dopo l’interruzione della produzione che ha sconvolto piani industriali, tempi di consegna e bilanci. Il motore riparte e lo fa con il più grande e capillare artefice dell’industriale: Cnh Industrial.

Iveco e l'agricolo
Assemblaggio del Daily a Suzzara (Mn)

Iveco e l’agricolo. Cominciamo dal Daily

In prima battuta lasciamo la parola a Iveco: Lo stabilimento Iveco di Suzzara (Italia) ha infatti ripreso la produzione il 4 maggio, mentre quelli di Brescia (Italia), Madrid e Valladolid (Spagna) si preparano a ricominciare l’11 maggio. Il brand sta lavorando insieme ai propri fornitori per garantire la distribuzione di tutti i componenti necessari, al fine di incrementare gradualmente la produzione e soddisfare così i requisiti dei clienti. 

La salute e la sicurezza di dipendenti e clienti rappresentano la massima priorità di Iveco, che ha adottato tutta una serie di misure per garantire la loro protezione. Queste includono la sanificazione delle strutture, delle postazioni di lavoro e degli attrezzi, nonché la fornitura di dispositivi di protezione individuale, tra cui mascherine e visiere, guanti e gel disinfettante per le mani. Il layout degli stabilimenti e i flussi di lavoro sono stati riorganizzati per consentire a tutti i dipendenti di mantenere una distanza adeguata durante il lavoro. 

Thomas Hilse, Iveco Brand President, ha affermato: «Iveco è finalmente pronta a ripartire! Al momento, stiamo rilanciando la produzione dei veicoli di cui i nostri clienti hanno bisogno per mantenere operative le proprie flotte e giocare l’importante ruolo che il settore dei trasporti riveste nelle nostre economie. In questi tempi di crisi, i nostri clienti sono in prima linea e si sforzano di mantenere operativa la catena di fornitura mediante la consegna di beni essenziali come materiali sanitari, alimenti e carburante. Siamo incredibilmente orgogliosi dei nostri autisti che, offrendo un prezioso contributo all’economia europea, non hanno mai smesso di lavorare: dobbiamo a tutti loro un debito di riconoscenza. Per tutto il periodo di quarantena siamo rimasti al loro fianco, mettendo a loro disposizione concessionari e officine pronti a fornire il massimo supporto nel rispetto delle misure di sicurezza – cosa che continueremo a fare». 

E adesso parliamo di macchine agricole

Riportiamo qui l’attacco del post di TrattoriWeb sulla riapertura della meccanizzazione agricola. Uno stop, quello delle linee produttive dei trattori, che ha dato adito a diverse polemiche. Ne abbiamo parlato durante il webinar di venerdì 15 maggio #offroadrecovery. Nello specifico sono intervenuti i rappresentanti dell’associazionismo imprenditoriale del mondo agricolo: Massimiliano Malavolti, Presidente FederUnacoma, Gianni Dalla Bernardina, presidente CAI, e Roberto Rinaldin, presidente Unacma. Un video lungo, ma ne vale la pena. Lo trovate QUI.

Dicono, quelli di TrattoriWeb:

Dopo la chiusura temporanea legata all’emergenza Coronavirus, gli stabilimenti dei costruttori di trattori e macchine agricole si rimettono finalmente in moto. Per le realtà produttive dislocate sul territorio italiano, la ripresa ufficiale è schedulata per lunedì 4 maggio, ma in verità già nel corso dell’ultima settimana di aprile alcuni reparti hanno acceso i motori adottando accorgimenti e protocolli interni a tutela della della salute e della sicurezza dei dipendenti e partner.

Iveco e l'agricolo ripartono
Stabilimento Landini

Il post integrale. disponibile al seguente link.

 

In primo piano

Articoli correlati

Scania fonda Erinion, un’azienda di soluzioni di ricarica

Scania annuncia oggi di aver fondato Erinion, una nuova società specializzata in soluzioni di ricarica private e semi-pubbliche. La mossa strategica vedrà l’installazione di 40.000 nuovi punti di ricarica presso le sedi dei clienti e rafforzerà l’offerta di e-mobility del Gruppo Scania nel futuro ec...