Iveco alla conquista del Sol Levante

Iveco esporta il proprio know-how in materia di gas naturale nel settore dei trasporti giapponese. Giappone, alias Cipango, nel Milione di Marco Polo, terra praticamente inaccessibile per i concorrenti alloctoni. Iveco ha invece invertito il senso di marcia. L’azienda italiana ha presentato i più recenti sviluppi in occasione di un evento tenutosi l’8 maggio presso il Nippon Press Centre di Tokyo. Presenti, tra gli altri, Pierre Lahutte, Iveco Brand President, Takao Kashiwagi, Professore presso l’Istituto di tecnologia di Tokyo e Presidente del “LNG Expert Committee”, Hiroaki Matsuoka, Presidente della Fuji Transport Corporation.

L’anno scorso, il Ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria giapponese ha sottoscritto insieme alla Commissione Europea un Memorandum di Cooperazione per lo sviluppo di tecnologie avanzate. Obiettivo specifico proprio l’impiego di sistemi LNG nel trasporto marittimo e su strada.

IL GAS NATURALE, UNA RISORSA ANCHE IN PATRIA

Iveco

A un anno dall’accordo

Per l’occasione, Iveco ha lanciato lo Stralis NP 400. Si tratta del primo veicolo heavy-duty a gas naturale pronto per la vendita in Giappone. È anche il primo mezzo progettato specificamente per il trasporto a lungo raggio a vantare un’alimentazione unica a gas naturale liquefatto (LNG) o compresso (CNG). Previsto anche il funzionamento dual-fuel con LNG e CNG. In commercio anche la nuova gamma, premiata “International Van of the Year 2018”, di Daily Blue Power. Disponibili le versioni Daily Hi-Matic Natural Power e Daily Minibus Natural Power. L’innovazione sta nella combinata CNG e cambio automatico a 8 rapporti Hi-Matic. Le due nuove gamme hanno fatto il loro debutto pubblico durante il Japan Truck Show a Yokohama.

Iveco

Stralis NP 400 vettore di innovazione, afferma Pierre Lahutte

«Oggi ci ritroviamo qui per presentare le nostre gamme di veicoli a gas naturale e vendere il primo camion a LNG», ha affermato Pierre Lahutte. «Opererà su una delle tratte più trafficate al mondo, la Tokyo-Osaka, percorsa quotidianamente da circa 100.000 camion. L’autonomia e i vantaggi ambientali dello Stralis NP 400, insieme al piano di distribuzione dell’LNG sviluppato da Shell lungo le principali vie di trasporto giapponesi, rendono questo veicolo la scelta perfetta per la transizione verso un trasporto a lungo raggio più pulito e sostenibile».

In primo piano

Articoli correlati

I primi 50 anni di Scania in Italia

La sua storia in Italia inizia negli anni Settanta quando Armando Rangoni, riconoscendo nel marchio Scania un grande valore, fonda la società indipendente “Italscandia Autocarri S.p.A.”, ottenendo il mandato per l’importazione dei prodotti della Casa svedese.