Jcb ha annunciato un investimento di 100 milioni di sterline (circa 116,5 milioni di euro) in un progetto per la produzione di motori a idrogeno super efficienti. Un team di 100 ingegneri sta già lavorando a questo straordinario progetto di sviluppo con l’assunzione di altri 50 ingegneri in corso, mentre Jcb punta a rendere disponibili le prime macchine per la vendita ai clienti alla fine del 2022.

Il “velo” era già stato sollevato da un primo prototipo di terna Jcb alimentata a idrogeno, e ora una seconda macchina Jcb, un sollevatore telescopico, è stata presentata in occasione di un evento nel centro di Londra a cui ha partecipato il primo ministro Boris Johnson.

Jcb alla Cop26 di Glasgow

La tecnologia di alimentazione a idrogeno sviluppata da Jcb è protagonista della mostra “Green Zone” alla Cop26 di Glasgow, dove si riuniscono i leader mondiali per discutere elle misure per ridurre drasticamente le emissioni di gas serra.

Il primo ministro Boris Johnson ha dichiarato: “Grandi produttori britannici come Jcb stanno sviluppando soluzioni innovative per ridurre le emissioni di gas serra e far progredire la rivoluzione industriale ‘verde’ del Regno Unito. È stato fantastico vedere i motori a idrogeno super efficienti di Jcb, che potrebbero ridisegnare la produzione nel Regno Unito, aiutarci a raggiungere rapidamente i nostri obiettivi climatici e ad accelerare l’economia dell’idrogeno del Regno Unito, un’area entusiasmante che sarà essenziale per affrontare il cambiamento climatico, creare nuovi posti di lavoro e attrarre investimenti”.

Il presidente di Jcb Lord Bamford ha dichiarato: “Il nostro modello tipico di macchine dovrà essere alimentato da qualcosa di diverso dai combustibili fossili. Produciamo macchine alimentate a diesel, quindi dobbiamo trovare una soluzione, e per questo stiamo facendo qualcosa al riguardo. Stiamo investendo nella tecnologia di alimentazione a idrogeno perché non riteniamo che l’elettricità sia la soluzione a tutto, in particolare non per il nostro settore perché può essere utilizzata solo per alimentare macchine di taglia piccola. Ciò significa che continueremo a produrre motori, ma saranno motori a idrogeno super efficienti, convenienti e ad alta tecnologia con zero emissioni di CO2, che possono essere immessi rapidamente sul mercato utilizzando la nostra rete di fornitura esistente. Questi saranno i primi motori a idrogeno del nostro settore, sviluppati in Gran Bretagna da ingegneri britannici. I motori a idrogeno hanno il potenziale per aiutare il Regno Unito a raggiungere più rapidamente gli obiettivi sulle emissioni di CO2”.

Un motore “premiato”

Il motore a idrogeno super efficiente di Jcb ha vinto il “Dewar Trophy”, uno dei più antichi e prestigiosi premi dell’ingegneria automobilistica britannica. Durante la cerimonia, che si è tenuta a Londra, al Presidente di Jcb Lord Bamford è stato consegnato il “Royal Automobile Club’s Dewar Trophy” per lo sviluppo da parte dell’azienda di un motore a idrogeno. È la terza volta che le innovazioni di Jcb vengono premiate con il Dewar Trophy: la prima volta è stata nel 2019 per il lancio del mini escavatore elettrico 19C-1E, mentre nel 2007 lo ha vinto dopo che il team Jcb Dieselmax ha stabilito un record di velocità su terra con motore diesel di 350,092 miglia all’ora sulle Bonneville Salt Flats, negli Stati Uniti.

In primo piano

Articoli correlati

Intermat 2024, Cummins svela il motore X15 Off-Highway

Come annunciato pochi giorni fa, Cummins ha lanciato un nuovo motore diesel da 15 litri per il mercato Off Highway all’Intermat 2024, che si apre oggi a Parigi. Questo nuovo prodotto sarà esposto insieme a un’ampia gamma di tecnologie off-highway