Jcb lancia il sollevatore telescopico 514-40, ad oggi il modello più piccolo per dimensioni della gamma Loadall, caratterizzato da un’altezza della cabina di soli 1,8 m e una larghezza di 1,56 m. Sotto il cofano, si torna un motore Perkins, storico fornitore di Jcb.

Malgrado le sue dimensioni compatte. la macchina offre la cabina operatore più grande della sua categoria, mantenendo il Dna della gamma di sollevatori telescopici numero uno al mondo.

Tra le caratteristiche tecniche:

  • Il motore diesel Perkins 403J-11 da 19 kW a bassa manutenzione, che non necessita di Dpf o Def per ottemperare ai limiti di emissioni Stage V 
  • L’82% dei componenti Jbc condivisi garantisce qualità, facilità di manutenzione e massima operatività
  • L’ampia cabina è fino a 200 mm più larga rispetto alla concorrenza, offrendo più spazio all’operatore
  • La migliore capacità di sollevamento della categoria a tutta altezza, superiore del 12% rispetto alla concorrenza
  • Aumento del 17% del rapporto peso/potenza rispetto alla generazione precedente 516-40
  • Migliore manovrabilità in cantieri con spazi ristretti

Il nuovo sollevatore telescopico Jcb 514-40 è il risultato di oltre 45 anni di sviluppo nel segmento dei sollevatori telescopici e riunisce nelle dimensioni più compatte della categoria il massimo del comfort e della capacità operativa. Alto solo 1,8 m e con una larghezza di 1,56 m, il 514-40 è stato progettato per accedere anche nei luoghi più angusti. Abbastanza piccola da poter passare attraverso una porta alta 2 m, la macchina offre una manovrabilità senza pari grazie alla sterzatura integrale, caratteristiche che la rendono una soluzione ideale per rivendite di materiali, paesaggisti, allestimento di eventi e aziende di noleggio.

Il sollevatore telescopico è alimentato da un motore diesel da 18,4 kW (24,7 cavalli) a bassa manutenzione che soddisfa lo standard sulle emissioni EU Stage V senza la necessità di un complesso filtro antiparticolato diesel (Dpf) o di additivi, riducendo i costi operativi per gli utilizzatori e semplificandone il funzionamento.

Questo motore a tre cilindri da 1,1 litri, che vanta una coppia di 66,9 Nm, aziona attraverso la collaudata trasmissione idrostatica Bosch e un motore Linde a due velocità per una velocità di traslazione massima di 15 km/h. Dotato di trazione integrale permanente e quattro ruote sterzanti, il 514-40 si distingue per le capacità all-terrain che caratterizzano la gamma Loadall.

La portata massima di sollevamento è di 1.400 kg, mentre l’altezza massima di sollevamento è pari a 4,0 m, caratteristiche che lo rendono ideale per l’utilizzo in numerosi settori industriali. La capacità di sollevamento al massimo sbraccio è di 525 kg. Con un peso a vuoto di 2.695 kg, la macchina vanta un rapporto peso/potenza superiore del 17% rispetto al predecessore 516-40 Loadall. Tuttavia, il 514-40 può essere trasportato su un rimorchio leggero da 3,5 tonnellate trainato da un 4×4 o un veicolo commerciale leggero, rendendone più facile, più veloce e meno costosa la consegna per una società di noleggio, un appaltatore o un utilizzo non professionale.

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Il primo webinar in vista di Samoter su elettrico, ibrido e idrogeno

La transizione energetica si farà insieme lavorando sul mix energetico: è quanto emerso il 26 gennaio 2023 dal primo dei cinque webinar in vista di Samoter organizzati in collaborazione con Vaielettrico dal titolo “Macchine da costruzione verso le emissioni zero obiettivo: elettrico, ibrido o idroge...