Nel suo stand al bauma 2022, Kubota presenterà due nuovi motori dotati di tecnologia all’avanguardia che espanderanno la gamma di motori completamente controllati elettronicamente al di sotto dei 19 kW migliorando le credenziali dell’azienda a basse emissioni di carbonio.

Le ultime aggiunte al portafoglio di motori Kubota, che occuperanno una posizione di rilievo al bauma di quest’anno, saranno il D902-K e un nuovo motore aggiuntivo a controllo elettronico, entrambi dotati della tecnologia Kubota Tvcr, altamente avanzata e rivoluzionaria.

La loro tecnologia avanzata con i loro nuovi sistemi di combustione offre agli utenti finali una serie di vantaggi. Sono facili da installare e offrono emissioni pulite e un basso consumo di carburante”, ha affermato Daniel Grant, Manager Marketing Intelligence, Business Unit Engine Europe, Kubota UK. “Sia il D902-K che il nuovo Tvcr sono in grado di sostituire facilmente gli attuali modelli Kubota poiché offrono le stesse dimensioni, peso e posizioni di montaggio del motore.”

Bauma 2022: Kubota D902-K

Le caratteristiche del nuovo motore diesel D902-K a 3 cilindri, verticale, raffreddato ad acqua, a 4 tempi, includono il funzionamento senza fumo, minori emissioni di carbonio grazie al basso consumo di carburante, prestazioni elevate in alta quota e supporto stabile per le operazioni della macchina. Soddisfa gli standard sulle emissioni regionali Epa Tier 4, EU Stage V e China IV, nonché le più severe normative nazionali cinesi, Categoria III.

Poiché i motori sono controllati elettronicamente, possono comunicare tramite Controller Area Network (Can), il che significa che è possibile acquisire i dati di funzionamento del motore, necessari per il monitoraggio remoto delle prestazioni.

Questi nuovi motori a controllo elettronico permettono agli utenti dei nostri attuali motori in linea a iniezione meccanica di poter aggiornare le macchine con costi di progettazione minimi grazie alle dimensioni simili”, ha aggiunto Grant.

Carbon neutrality al bauma 2022

Al bauma, la carbon neutrality sarà uno dei temi principali per Kubota chee, oltre ai suoi motori Tvcr, esporrà la sua gamma di tecnologie disponibili, inclusi i motori a Gpl e i motori Micro Hybrid.

Kubota Micro Hybrid Technology è un sistema installato con un motogeneratore a 48 volt che utilizza energia elettrica solo quando è necessario gestire sovraccarichi intermittenti.

Una funzione di assistenza al motore viene utilizzata per fornire ulteriori 10 kW di potenza di sovralimentazione elettrica quando necessario per carichi improvvisi occasionali, consentendo agli operatori di selezionare un motore con potenza adatta all’intervallo di carico, insieme all’alimentazione elettrica per compensare sovraccarichi intermittenti non frequenti.

La tecnologia Kubota Micro Hybrid è particolarmente adatta per applicazioni con sovraccarichi intermittenti come macchine non autostradali utilizzate nei cantieri, carrelli elevatori, spazzatrici e rulli stradali.

Tra gli altri motori in mostra da Kubota al bauma ci sarà il Serie 09 V5009, che è stato il primo motore diesel dell’azienda sopra i 200 CV e ha vinto il premio “Diesel of the Year” nel 2019.

Allo stand Kubota saranno presenti anche presentazioni digitali che delineeranno la visione di Kubota sull’uso di combustibili alternativi a basse o zero emissioni di carbonio.

Cent’anni di motori Kubota

Nello stand sarà presente anche una presentazione digitale (“100 Years of Kubota Engine 1922-2022”). Kubota Corporation è stata fondata nel 1890 da Gonshiro Kubota a Osaka, in Giappone. Mentre l’obiettivo iniziale era la produzione di tubi in ghisa per le linee di approvvigionamento idrico per contenere e prevenire la diffusione di malattie infettive con acqua potabile pulita, l’azienda ha introdotto il suo primo motore a cherosene nel 1922.

La tecnologia della fonderia rimane uno dei pilastri di Kubota. Tutti i basamenti e le teste dei cilindri per la costruzione dei motori provengono dalla fonderia dell’azienda.

Il primo motore sviluppato da Kubota è stato il Tipo A, un motore da tre cavalli per applicazioni agricole.

Nel corso degli anni l’azienda è cresciuta enormemente con molti nuovi motori funzionanti con vari combustibili come diesel, gas naturale, Gpl e ha anche raggiunto notevoli punti di riferimento nel corso dei decenni, tra cui il motore diesel D1105-E (1993) che è diventato il primo motore fuoristrada al mondo sotto i 25 cavalli a superare le normative sulle emissioni Carb Ulge.

In primo piano

Articoli correlati

Deutz, i risultati del primo trimestre del 2024

“Come risulta evidente dai nostri dati del primo trimestre, il contesto economico decisamente più debole comincia a farsi sentire anche su di noi. La buona notizia è che siamo molto più robusti di prima”, afferma Sebastian C. Schulte, Ceo di Deutz.