La notizia era nell’aria, considerato il protrarsi della pandemia e sebbene l’Italia sia appena entrata nella cosiddetta Fase 2. I vertici di FederUnacoma hanno comunicato le nuove date dell’Eima (qui il nostro ultimo post sulla manifestazione), che si terrà a febbraio 2021, dal 3 al 7.

nuove date dell’Eima

Gli organizzatori, però, non si limitano a un semplice slittamento delle date, ma trasformano l’emergenza in un’opportunità di innovazione, dando vita, negli stessi giorni inizialmente programmati, e cioè dall’11 al 15 novembre, a Eima Digital Preview, il primo evento di meccanica agricola a livello mondiale interamente mediatizzato con piattaforma e tecnologie digitali, novità assoluta nella storia delle rassegne di settore.

Il commento di Malavolti (FederUnacoma) sulle nuove date dell’Eima

Spiega Alessandro Malavolti, presidente di FederUnacoma: «La scelta di rinviare ai primi di febbraio del prossimo anno la grande EIMA tradizionale nasce da un’attenta valutazione logistica ed economica, giacché è estremamente probabile che gli eventi fieristici possano essere ancora condizionati in autunno da specifiche ordinanze del Governo, e che il sistema dei trasporti e dei servizi possa essere ancora rallentato per le misure precauzionali che saranno ancora in atto sia in Italia che all’estero». Malavolti ha comunque precisato che, a partire dal 2022, la fiera tornerà nella sua collocazione tradizionale di novembre.

nuove date dell’Eima

La piattaforma Eima Digital Preview

«Le adesioni alla 44ma EIMA hanno già riempito il quartiere fieristico bolognese e questo assetto organizzativo viene trasferito in blocco a febbraio – ha aggiunto il Direttore Generale di FederUnacoma, Simona Rapastella – mentre stiamo già lavorando alla piattaforma digitale che permetterà agli espositori di presentare in anteprima a novembre i propri profili aziendali e la gamma dei prodotti e delle novità».

In primo piano

Scania Next Generation DC13 e Bruno Generators

Il Diesel of the Year fa irruzione nella generazione di potenza, a firma di Bruno Generators. Il sodalizio tra il gruppo capitanato da Renato Bruno e il fornitore svedese di soluzioni propulsive prosegue dal 2019, sotto le insegne dello Stage V. Il motore siglato 505A equipaggia un gruppo Fusteq, av...

Articoli correlati