Man Energy Solutions ha annunciato che entro la fine del 2026 sarà disponibile una versione dual-fuel del suo motore ad alta velocità Man 175D, in grado di funzionare a metanolo. La nuova variante, denominata Man 175DF-M, sarà disponibile sia come varianti di nuova costruzione e retrofit.

Man Energy Solutions afferma che il 175DF-M sarà ottimizzato per la propulsione diesel-meccanica e diesel-elettrica per ottenere la maggiore quota di metanolo e la migliore efficienza per varie applicazioni e profili di carico. Il motore, infatti, ha già ottenuto il certificato “fuel ready” da Dnv, che garantisce l’introduzione di questa tecnologia a doppia alimentazione a metanolo.

Florian Keiler, Responsabile Alta Velocità, Man Energy Solutions, ha dichiarato: “Il Man 175D ha dimostrato di essere molto competitivo in termini di sostenibilità ed efficienza con il più basso consumo di carburante, il più basso consumo di olio lubrificante e i tempi di revisione più lunghi della sua categoria, riducendo al minimo la sua impronta ambientale. In termini di carburanti futuri, il prossimo passo logico, oltre a poter funzionare con biocarburanti al 100%, è garantire la combustione del metanolo”.

Il motore 175D è l’ultima aggiunta di Man Energy Solutions al settore marittimo ad alta velocità ed è, come tale, uno dei pilastri dei suoi sforzi per sviluppare un portafoglio di motori predisposti per il metanolo poiché la domanda di tale tecnologia è aumentata rapidamente negli ultimi tempi . Grazie al successo ottenuto nell’ottenimento dell’omologazione di serie per i suoi motori a due tempi, Man Energy Solutions ha utilizzato questa esperienza per sviluppare una soluzione ottimizzata per i suoi motori a quattro tempi, compresi i test di successo sui monocilindrici. Pertanto, i risultati di questi sforzi alimenteranno l’imminente sviluppo e validazione della tecnologia a doppia alimentazione Pfi (Port Fuel Injection) per il suo motore 175D predisposto per il metanolo.

Keiler continua: “Sulla base di numerosi scambi con i clienti, siamo giunti alla conclusione che il principio della doppia alimentazione, l’affidabilità, l’efficienza, un’elevata percentuale di metanolo, i costi competitivi del ciclo di vita e la massima produzione ottenibile erano i requisiti chiave per lo sviluppo del 175DF-M. Pertanto, dopo un’indagine e una considerazione coscienziose, abbiamo optato per la tecnologia di combustione Pfi come la più favorevole. Lo sviluppo fondamentale della combustione inizierà nel 2024, per portare ad un primo test sul campo del motore a metanolo nel 2026. Il motore Man 175DF-M sarà successivamente pronto per la commercializzazione alla fine del 2026”.

Man Energy Solutions ritiene che la Pfi sia la tecnologia più avanzata attualmente disponibile. Il suo sviluppo punta a una quota di metanolo più elevata su un’ampia gamma di potenze, ottenendo al tempo stesso la potenza dei cilindri più elevata nella sua classe di motori ad alta velocità. In particolare, l’ottimizzazione per gli impianti multimotore diesel-elettrici consentirà il funzionamento dei motori a un punto di carico ottimale ottenendo la quota di metanolo più elevata. Di conseguenza, quando si utilizzano biocarburanti, l’impronta di carbonio del Man 175DF-M sarà ridotta a zero pur mantenendo la piena flessibilità del carburante per il funzionamento in qualsiasi parte del mondo.

In primo piano

Articoli correlati

AS Labruna al Nauticsud 2024 con il gozzo a idrogeno

Grande novità al Nauticsud quest’anno. AS Labruna si conferma leader dell’innovazione in campo nautico presentando Futura II e Solemio, interpretando il tradizionale gozzo napoletano in chiave green, con un esemplare elettrico alimentato a idrogeno.