Man Engines offre ora come opzione a tutti i motori a gas naturale turbocompressi delle attuali serie Man E3262, E3268, E0836 ed E0834, nonché obbligatorio per il Man E3872, le candele di precamera adattate alla rispettiva camera di combustione.

Grazie alla compatibilità con le versioni precedenti, gli impianti di cogenerazione esistenti con i suddetti motori a dodici, otto, sei e quattro cilindri possono anche essere adattati con candele a precamera utilizzando il processo di combustione magra. Ciò include il funzionamento con carburanti contenenti idrogeno con una miscela di idrogeno fino al 20%. Una conversione dei motori non è necessaria per l’utilizzo di candele a precamera. Per via della regolazione software della fasatura dell’accensione e della riduzione del fabbisogno energetico, potrebbero essere necessarie centraline di accensione meno potenti.

Le candele con precamera sono approvate per il funzionamento sia a 500 mg/Nm3 NOx che a 250 mg/Nm3 (al 5% O2), in conformità con la 44a ordinanza sull’attuazione della legge federale sul controllo delle immissioni (BImSchV) in Germania. “Con l’approvazione dei nostri motori turbocompressi a gas naturale per l’uso di candele con precamera, offriamo ai nostri clienti una maggiore efficienza e minori esigenze di manutenzione come valore aggiunto”, afferma Reiner Roessner, Head of Sales Man Engines.

Soprattutto nelle applicazioni a bassi NOx, la candela con precamera offre alcuni vantaggi significativi rispetto alla candela convenzionale. Un chiaro vantaggio delle candele con precamera è la loro maggiore durata, che è influenzata, tra l’altro, dalla minore energia di accensione. “Le nostre misurazioni hanno dimostrato che possiamo allungare la vita utile in applicazioni a basso NOx con candele con precamera. Questo è un vantaggio decisivo in termini di riduzione dei costi di manutenzione”, afferma Werner Kübler, responsabile dell’ingegneria presso Man Engines.

Inoltre, i motori Man con candele a precamera offrono una migliore qualità di combustione: la candela a precamera è dotata di fori disposti radialmente, che forniscono un collegamento alla camera di combustione principale. Durante il movimento verso l’alto del pistone durante la fase di compressione, la miscela gas-aria entra attraverso i fori nella precamera, dove viene accesa. Per via del design strutturale e costruttivo, la miscela aria-gas combustibile nella camera di combustione principale può essere meglio accesa dai getti di fiamma ad alta energia che fuoriescono dalla precamera e quindi le miscele magre possono essere accese in modo sicuro. L’accensione ottimale nella precamera è realizzata da diverse fonti di accensione disposte a forma di stella. “Con le candele a precamera, possiamo migliorare l’efficienza di un sistema fino a un punto percentuale”, afferma Kübler.

Un altro vantaggio delle candele a precamera è la loro maggiore flessibilità in termini di condizioni di accensione. La candela precamera è in grado di controllare l’accensione della miscela aria-carburante meglio di una candela convenzionale, garantendo così una maggiore scorrevolezza.

In primo piano

Articoli correlati

Veil e Bosch Rexroth: svolta soft…ware

Non è una svolta ma un’estensione del ventaglio di soluzioni orientate all’efficientamento energetico quella che ha fatto incontrare Bosch Rexroth e Veil. C’è infatti lo zampino di Veil nella app che replica le funzioni dell’E-Boost Pro. A Bolzano hanno valicato il Brennero e inaugurato una sede in ...