Texa ha ricevuto uno straordinario riconoscimento a Wolfsburg, storica sede della Volkswagen, aggiudicandosi il Group Award 2024. Tra le centinaia di partner di tutto il mondo del colosso tedesco (che comprende i marchi auto Volkswagen, Audi, Seat, Skoda, Lamborghini, Porsche, Bentley e Bugatti) sono stati premiati i dieci che si sono maggiormente distinti. Texa è stata l’unica azienda italiana nella lista, ricevendo il titolo di “Local Hero” per la fornitura di inverter (uno doppio anteriore ed uno singolo posteriore) e della centralina controllo veicolo LCV della favolosa supercar ibrida Lamborghini Revuelto. Il premio è stato consegnato da Silvano Michieli, Chief Procurement Officer della Lamborghini.

Texa è stata lodata per il suo grandissimo impegno tecnologico e flessibilità produttiva nello sviluppo e nella produzione di questi sofisticati componenti elettronici, che rappresentano il cervello della propulsione elettrica del mezzo, gestendone la potenza e il funzionamento. Per realizzare queste parti, lo scorso settembre Texa ha inaugurato a Monastier di Treviso il nuovo stabilimento e-Powertrain dedicato esclusivamente alla propulsione elettrica e ibrida. Frutto di un investimento di oltre 20 milioni di euro, si estende su una superficie di 24.000 metri quadrati ed è destinato alla realizzazione, oltre che di inverter e centraline controllo veicolo, anche di motori elettrici a flusso assiale. Oltre a Lamborghini, Texa è fornitore di altri prestigiosi marchi di supercar ibride ed elettriche su cui per ora vige il segreto industriale.

Sono sorpreso e onorato di questo premio, che non mi era stato annunciato se non pochi momenti prima della cerimonia,” sono le parole del Presidente e Fondatore Bruno Vianello. “Avere la stima di uno dei più grandi produttori mondiali, per la realizzazione di componenti vitali destinati ad una delle loro vetture più prestazionali e sofisticate, rappresenta una grandissima soddisfazione per tutta la Texa. Credo che questo premio sia il risultato della grande passione e dell’entusiasmo con cui ci siamo impegnati nel nuovo settore della propulsione alternativa, sviluppando, a fianco del tradizionale business dedicato alla diagnosi, una vera e propria nuova azienda, non lesinando su alcun investimento e assumendo persone di straordinaria esperienza a fianco di giovani con eccezionali potenzialità. Essere riconosciuti come fornitori esemplari da parte di una azienda leader mondiale dell’automotive rappresenta un vanto anche per la manifattura italiana, ormai purtroppo sempre più marginale in questo settore che solo poco tempo fa ci vedeva leader”.

In primo piano

Articoli correlati

Veil e Bosch Rexroth: svolta soft…ware

Non è una svolta ma un’estensione del ventaglio di soluzioni orientate all’efficientamento energetico quella che ha fatto incontrare Bosch Rexroth e Veil. C’è infatti lo zampino di Veil nella app che replica le funzioni dell’E-Boost Pro. A Bolzano hanno valicato il Brennero e inaugurato una sede in ...