Daf, Paccar e gli ibridi

Dici Daf e dici Paccar, si sa. Quello che non appare così scontato è la strategia degli olandesi nella decarbonizzazione dell’autotrasporto. La scelta è ricaduta sull’ibrido. Mercedes ha svoltato decisamente verso l’elettrico (come dimostra QUESTO LINK). Fpt Industrial e Iveco spingono invece la tavoletta sull’acceleratore del Gnl (QUALCHE NUMERO in merito). Scelta condivisa da Scania (QUI INAUGURA una stazione Gnl a Sud), mentre Daf la pensa diversamente.

AL TECH DAY I PRIMI VAGITI DEL CURSOR 13 GNL

Daf ibrido. C’è l’Mx11

In occasione della celebrazione dei 90 anni di attività, Daf ha svelato due modelli ibridi. Un’applicazione che di fatto riprende, sviluppandolo alla luce delle nuove tecnologie, il filo di un vecchio discorso. Il riferimento è a un prototipo ibrido realizzato sulla base del leggero LF. Quella tecnologia viene oggi ripresa dall’XF 440 Convenient, parola che dice già molto, e in questo caso è pure un acronimo. Letteralmente, ‘Complete Vehicle Energy-Saving Technologies for Heavy Trucks’, ossia tecnologie integrali per il risparmio di energia per mezzi pesanti.

XF Convenient è un veicolo ibrido plug-in parallelo dotato di un motore-generatore elettrico da 163 cavalli abbinato al motore Mx-11. Nelle aree urbane viaggia completamente in elettrico, con un’autonomia fino a sei chilometri. Autonomia che deriva dalle batterie agli ioni di litio, ricaricando gli accumulatori mediante il recupero dell’energia dalla frenata o dal motore-generatore che funziona in modalità di carica.

Energia dai gas di scarico

La seconda novità, l’XF 450 EcoChamps è il frutto di un’iniziativa sostenuta dalla Commissione Europea. Sotto la guida di Daf sono state coinvolte ventisei aziende e istituzioni del settore automobilistico. In questo caso l’ibrido abbina al 10,8 litri Mx-11 da 449 cavalli, componenti impiegati proprio dalle autovetture. Il motore elettrico è da 12 cavalli e le celle della batteria sono Samsung. Il convertitore Dc/Dc (in luogo del tradizionale alternatore) trasforma i 300 V di tensione nominale della batteria in alta tensione a 24 V.

XF Ecochamps immagazzina energia per le batterie recuperando sia dalla frenata sia dal calore dei gas di scarico. Il sistema impiega l’energia dei gas di scarico puliti per azionare una turbina a sua volta chiamata a generare energia utile per alimentare la batteria. Sfruttando l’elettrificazione, il pesante stradale olandese riesce a percorrere fino a 10 chilometri in modalità silenziosa. Il risparmio di carburante è stimato nel 5 per cento.

 

In primo piano

Articoli correlati

Scania fonda Erinion, un’azienda di soluzioni di ricarica

Scania annuncia oggi di aver fondato Erinion, una nuova società specializzata in soluzioni di ricarica private e semi-pubbliche. La mossa strategica vedrà l’installazione di 40.000 nuovi punti di ricarica presso le sedi dei clienti e rafforzerà l’offerta di e-mobility del Gruppo Scania nel futuro ec...