Nel 2022, Deutz ha mantenuto la sua rotta e ha raggiunto i suoi obiettivi in un contesto geopolitico e macroeconomico difficile, vediamo con quali risultati. Le vendite di unità del produttore di azionamenti sono aumentate del 16,6%, mentre i ricavi sono aumentati del 20,8% a 1,95 miliardi di euro. Anche la redditività è migliorata in modo significativo, con l’Ebit prima degli elementi straordinari più che raddoppiato su base annua per raggiungere 89,4 milioni di euro. Il margine Ebit è aumentato dal 2,3% al 4,6%.

Nonostante le condizioni difficili, abbiamo mantenuto la rotta e migliorato significativamente i nostri guadagni, dandoci una base su cui costruire. A gennaio abbiamo svelato la nostra strategia Dual+ per soddisfare le diverse esigenze del mercato e gettare le basi per la nostra continua crescita negli anni a venire. Il passaggio a sistemi di azionamento più ecologici rappresenta per noi un’enorme opportunità di business”, afferma Sebastian C. Schulte, Ceo di Deutz.

Risultati Deutz 2022: nuovi target a medio termine basati sulla strategia Dual+

Mirata a un’ulteriore crescita e a una maggiore redditività, la strategia Dual+ adottata da Deutz all’inizio di quest’anno comprende sia l’ottimizzazione del suo core business esistente nei motori a combustione interna sia lo sviluppo di nuovi prodotti a zero emissioni. I due segmenti saranno supportati attraverso l’espansione globale del business dei servizi. L’obiettivo della nuova strategia è di aumentare le entrate di quasi il 30% a oltre 2,5 miliardi di euro entro il 2025. Il business dei servizi contribuirà a questo totale con circa 600 milioni di euro. Nello stesso periodo, l’obiettivo è di aumentare il margine Ebit tra il 6% e il 7%. L’obiettivo a lungo termine di Deutz è quello di affermarsi in modo permanente tra i primi tre produttori di azionamenti indipendenti e di offrire un portafoglio di prodotti e tecnologie completamente neutrali dal punto di vista climatico entro e non oltre il 2050.

Il segmento Classic fornisce le basi per la crescita

Nel segmento Classic, Deutz ha aumentato il suo margine Ebit prima a circa il 7%, registrando così la sua migliore performance in oltre dieci anni. Questa attività continuerà a sostenere la crescita di Deutz nei prossimi anni. Un portafoglio di prodotti ottimizzato, processi più efficienti e un significativo miglioramento delle prestazioni dovrebbero consentire un utilizzo ancora più efficace della capacità esistente. In quest’ottica, Deutz intende svolgere un ruolo attivo in un mercato in via di consolidamento: “Mentre alcuni player stanno uscendo dal mercato, noi optiamo per la crescita attraverso acquisti e acquisizioni mirate. L’alleanza con Daimler Truck è il primo grande passo in questo senso”, spiega Schulte. Questa partnership, annunciata poche settimane fa, consentirà a Deutz di modernizzare il proprio portafoglio prodotti in modo rapido ed efficiente. Il fatturato annuo che sarà generato attraverso l’alleanza dovrebbe essere di milioni di euro a tre cifre dopo l’aumento della produzione nel 2028.

Sviluppo tecnologicamente neutrale e orientato al mercato nel segmento Green

Deutz sta adottando un approccio fondamentalmente aperto alla tecnologia per l’ulteriore sviluppo del suo portafoglio di prodotti climaticamente neutri nel segmento Green. Ciò significa migliorare l’impronta di carbonio del motore a combustione interna, ad esempio attraverso l’uso di idrogeno o carburanti sintetici, e sviluppare sistemi di propulsione alternativi come i propulsori elettrici. A tal fine, nei prossimi mesi Deutz analizzerà tutte le sue attività nel segmento Green per verificarne la commerciabilità. La Società ha precedentemente annunciato che prevede di investire oltre 100 milioni di euro in queste attività. Il motore a idrogeno di Deutz è già in fase di sperimentazione in due progetti in Germania e, nel febbraio 2023, è stato firmato un memorandum d’intesa riguardante la consegna di una prima produzione su piccola scala di gruppi elettrogeni H2 in Cina.

Espansione globale del business dei servizi

Deutz continuerà inoltre ad espandere la propria redditizia attività di servizi nell’ambito della nuova strategia Dual+. Ciò include l’ampliamento dei siti regionali, la riparazione e la manutenzione di motori non Deutz e l’espansione del business dei servizi attraverso acquisizioni e partnership strategiche. Nel 2022 sono state acquisite società in Irlanda e nei Paesi Bassi.

SCARICA QUI I RISULTATI DI DEUTZ PER IL 2022 NEL DETTAGLIO

In primo piano

Articoli correlati

Hitachi Energy ha acquisito Coet, produttore di apparecchiature elettriche

Hitachi Energy rafforza la propria posizione nel settore della mobilità elettrica con l’acquisizione del produttore italiano Coet. La società con sede nel milanese è specializzata nella progettazione e produzione di apparecchiature di potenza destinate alla mobilità elettrica, al settore ferroviario...
News