Doosan si è vista assegnare il prestigioso riconoscimento Equipment Watch 2022 Highest Retained Value (Hrv) nella categoria dei dumper articolati. Nello specifico il premio è stato assegnato al dumper articolato DA30 che, grazie alle sue caratteristiche tecniche, ha raggiunto questo ambito risultato.

I premi Highets Retained Value sono assegnati a 30 diverse categorie di macchine da costruzione, sollevamento e macchine agricole. Premi che si basano sui dati contenuti nel database leader del settore di Equipment Watch e di oltre nove milioni di osservazioni di mercato. L’assegnazione di questi riconoscimenti avviene dopo oltre 100 ore di analisi per esaminare e classificare più di 27.000 modelli di attrezzature.

Per Equipment Watch questi premi, basati sull’analisi dei dati, riconoscono la reale eccellenza tra i costruttori di macchine movimento terra, per il sollevamento e l’agricoltura. Equipment Watch utilizza infatti algoritmi proprietari, schemi di deprezzamento e altre valutazioni analitiche. Questi dati permettono ai suoi analisti di individuare le macchine in grado di offrire un miglior ritorno sull’investimento nei cinque anni.

Il parere di Doosan

Beka Nemstsveridze, ADT Product Manager di Doosan, ha affermato che “I dumper articolati (Articulated Dump Truck) di Doosan sono apprezzati per le prestazioni, la robustezza e l’affidabilità. Siamo estremamente lieti di aver ricevuto questo Highest Retained Value Award da Equipment Watch. Un premio che conferma ai nostri concessionari e ai nostri clienti il fatto che scegliere Doosan rappresenta senza dubbio la scelta giusta”.

La certificazione che il dumper Doosan DA30 sia un investimento proficuo nel periodo dei cinque anni è infatti un elemento molto concreto. Si tratta quindi di un riconoscimento che valuta le performance sia da un punto di vista prestazionale, sia da un punto di vista del Tco. Elemento che spesso non viene valutato in modo attento dai clienti finali.

Le migliori prestazioni della categoria su terreni accidentati e soffici

L’ultimissima generazione dei dumper articolati Doosan include i modelli DA30-7 e DA45-7. Entrambi sono ovviamente conformi allo Stage V. Si tratta di due modelli che hanno un carico utile rispettivo di 28 e 41 tonnellate. Le motorizzazioni sono Scania con, per la precisione, il DA30-7 che utilizza un DC09 e il DA45-7 che salta al DC13. Si tratta rispettivamente di due Stage V con cilindrate di 9 litri per 276 kW (375 cv) e di 13 litri per 368 kW (500 cv).

Scania DC13
Scania DC13

Come tutti i dumper articolati Doosan, anche i modelli DA30-7 e DA45-7 si caratterizzano per l’articolazione posizionata dietro la ralla. Un sistema unico che assicura la ripartizione omogenea dei pesi durante la sterzata a pieno angolo. Oltre ad un andamento ottimale delle forze vettoriale che evita il “trascinamento” in avanti del semitelaio anteriore.

Una soluzione che, insieme alle sospensioni posteriori ad oscillazione libera, permette di muoversi in contesti preclusi ad altre macchine. Grazie ad una distribuzione distribuzione uniforme della potenza e a prestazioni di alto livello. In modo particolare quando si lavora su suoli difficili come terreni bagnati, superfici irregolari, pendii molto ripidi, curve strette o una combinazione di tutte queste condizioni.

Il nuovo Doosan DA45-7 4×4

Il costruttore coreano ha anche lanciato, a complemento di questi modelli 6×6, la nuova versione 4×4 del dumper articolato DA45-7. Lo abbiamo infatti visto per la prima volta a Bauma ed è un mezzo destinato a competere con i dumper a telaio rigido nella classe delle 40 tonnellate.

Da un punto di vista costruttivo, il nuovo Adt 4×4 riprende il semitelaio anteriore del DA45-7 6×6 originale mentre il semitelaio posteriore è completamente nuovo. La dotazione prevede la trasmissione ZF EP8-420 mantenendo una partnership di livello che vede Doosan e il costruttore tedesco collaborare da lungo tempo. Il DA45-7 4×4 si distingue per il fatto che ha soli due assali e ruote posteriori gemellate a cui si aggiunge una sospensione idro-pneumatica posteriore. Il cassone è invece del tutto identico a quello dei classici dumper rigidi da 40 tonnellate. Con un disegno, quindi, pensato per agevolare il carico con le pale gommate di grande capacità.

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Il primo webinar in vista di Samoter su elettrico, ibrido e idrogeno

La transizione energetica si farà insieme lavorando sul mix energetico: è quanto emerso il 26 gennaio 2023 dal primo dei cinque webinar in vista di Samoter organizzati in collaborazione con Vaielettrico dal titolo “Macchine da costruzione verso le emissioni zero obiettivo: elettrico, ibrido o idroge...