Il rapporto di Jcb con l’idrogeno è stato ribadito all’Agritechnica. Dopo la presentazione in cava, nel Regno Unito, alla quale abbiamo partecipato, la vetrina di Hannover ha rappresentato un’investitura ufficiale per lo scenario agricolo. Un team di 150 ingegneri sta lavorando al pionieristico progetto per lo sviluppo di motori a combustione di idrogeno, e più di 75 prototipi sono già stati prodotti nello stabilimento di motori Jcb nel Regno Unito.

Il complemento per l’idrogeno di Jcb visto all’Agritechnica è a rimorchio di un Fastrac

I prototipi di motori a idrogeno Jcb stanno già alimentando i modelli di movimentatori telescopici e di terne. L’azienda britannica ha inoltre compiuto un importante passo avanti dimostrando l’attrattiva più ampia della tecnologia di combustione dell’idrogeno installando motori a idrogeno su un camion Mercedes da 7,5 tonnellate e su un furgone Mercedes Sprinter: retrofit completati in pochi giorni. Jcb ha inoltre presentato il proprio sistema di rifornimento mobile progettato e costruito per portare il carburante alle macchine. Il serbatoio ha abbastanza idrogeno per riempire 16 terne a idrogeno e può essere trasportato sul retro di un Fastrac modificato o su un rimorchio. Jcb è stata anche in prima linea nello sviluppo della tecnologia elettrica per soddisfare la domanda dei clienti di prodotti a zero emissioni di carbonio. Mentre l’elettricità a batteria è adatta per macchine più piccole che fanno meno ore e in genere utilizzano meno carburante, le macchine più grandi hanno un fabbisogno energetico più elevato. Ciò comporterebbe batterie più grandi, che richiederebbero più tempo per caricarsi, rendendole meno adatte a macchine che lavorano su più turni giornalieri e non hanno tempi di inattività disponibili per ricaricarsi.

C’è spazio anche per l’elettrificazione

Jcb ha concentrato lo sviluppo di macchine elettriche sulla sua gamma compatta, tra cui la pala gommata compatta 403E, il sollevatore telescopico Loadall 525-60E e il mini escavatore 19C-1E. Mentre l’azienda esamina i futuri carburanti a zero emissioni, non ha lasciato nulla di intentato. Nella sua ricerca di un carburante mobile che possa essere portato alla macchina, garantendo la massima operatività e un rifornimento rapido: HVO, biogas, carburanti elettronici, ammoniaca e idrogeno sono stati tutti esaminati al microscopio. I motori Jcb sono stati approvati per l’uso con Hvo da quando è entrata in vigore la legislazione sui motori Stage IIIB/Tier 4i.

Lord Bamford ha dichiarato: «La maggior parte di questi combustibili alternativi richiede la produzione di idrogeno per produrli, quindi ha perfettamente senso utilizzare l’idrogeno in primo luogo perché è un combustibile pulito a zero emissioni di carbonio che può essere prodotto da energia rinnovabile. L’idrogeno offre anche una potenziale soluzione alla sfida posta dalle batterie sulle macchine più grandi; consente un rifornimento rapido ed è una soluzione di carburante mobile, che consente di portare il carburante alla macchina».

E le celle a combustibile?

Nell’ambito dello sviluppo dell’idrogeno, Jcb ha anche studiato il suo utilizzo nelle celle a combustibile e nel luglio 2020 ha presentato il primo escavatore alimentato a idrogeno del settore edile: un 220X da 20 tonnellate. Per il momento Jcb è giunta alla conclusione che le celle a combustibile sono troppo costose, troppo complicate e non sufficientemente robuste per le attrezzature edili e Agricole; sfidando quindi il team di ingegneri Jcb a pensare in modo diverso e utilizzando la tecnologia che ci circonda in modo a zero emissioni di carbonio, è nato il motore a idrogeno Jcb.

jcb Agritechnica

Lord Bamford ha dichiarato: «Le proprietà di combustione uniche dell’idrogeno consentono al motore a idrogeno di fornire la stessa potenza, la stessa coppia e la stessa efficienza che alimentano le macchine Jcb oggi, ma a zero emissioni di carbonio. I motori a combustione di idrogeno offrono anche altri vantaggi significativi. Sfruttando la tecnologia e i componenti dei motori diesel, non richiedono elementi di terre rare e, aspetto fondamentale, la tecnologia di combustione è già ben collaudata sulle attrezzature edili e agricole. Si tratta di una tecnologia economicamente vantaggiosa, robusta, affidabile e ben conosciuta non solo nel settore edile e agricolo, ma in tutto il mondo».

In primo piano

Articoli correlati

I due nuovi mini escavatori di Develon: DX17Z-7 e DX19-7

Develon presenta al mercato i nuovi mini escavatori compatti DX17Z-7 e DX19-7. Motorizzati Kubota D902 conforme Stage V, sono due macchine che presidiano la fascia di mercato più importante e che migliorano in modo sensibile le prestazioni rispetto alle macchine che vanno a sostituire.