JCB ha ampliato la Serie X di escavatori cingolati con un nuovo modello, che secondo l’azienda è il più grande e potente mai realizzato: si chiama 370X ed è alimentato dal più recente motore diesel Cummins L9. 

Questa macchina movimento terra heavy-duty porterà i livelli di produttività, durata e affidabilità della gamma di scavatori JCB nel segmento di mercato delle 35-40 tonnellate. Si tratta di una macchina progettata da zero, integrando tuttavia il comprovato Dna della Serie X. È in grado di movimentare 4,5 tonnellate di materiale in più per litro di carburante rispetto ai modelli della concorrenza. 

Paul Swallow, Business Head – Excavators, ha dichiarato: “Con maggiore potenza, maggiore resistenza e durata, ridotto consumo di carburante e minori costi di proprietà, il JCB 370X rappresenta un importante passo avanti per i clienti nella classe da 35-40 tonnellate. Grazie al comfort e al controllo eccezionali dell’operatore, il 370X offre una soluzione di escavatore heavy-duty per i mercati di tutto il mondo”.

Il Cummins L9 sotto il cofano

Il JCB 370X è alimentato dal più recente motore diesel Cummins L9, certificato come conforme EU Stage V ed EPA Tier 4 Final. Questo motore a sei cilindri da 8,9 litri vanta un aumento di potenza del 14% rispetto al precedente JS370, con 240 kW (322 CV) disponibili a soli 1.700 giri/min. Il motore eroga questa potenza massima entro un intervallo di regimi operativi ridotto, per aumentare il risparmio di carburante e ridurre i livelli di rumore complessivi. Per i territori non soggetti a regolamentazione sulle emissioni è disponibile un motore common-rail Tier 2.

Cummins L9 Stage V

La pompa idraulica tandem Kawasaki di ultima generazione funziona con una pressione aumentata di 350 bar, che sale a 380 bar durante i cicli di aumento di potenza. In combinazione con un blocco valvole di ultima generazione e una ventola di raffreddamento ad azionamento idraulico con funzione di inversione, tutto ciò contribuisce a garantire un’efficienza ai vertici della categoria. Il 370X è in grado di movimentare fino a 4,5 tonnellate in più di materiale per litro di carburante e fino a 86 tonnellate all’ora in più rispetto ai concorrenti testate da JCB.

Tutte le strutture e i componenti principali sono stati progettati pensando a prestazioni e produttività ancora maggiori. Un contrappeso più pesante contribuisce a una maggiore stabilità, mentre strutture più grandi riescono a far fronte alle forze aggiuntive. I maggiori diametri delle tubazioni di servizio e le maggiori pressioni idrauliche si traducono in una maggiore potenza all’estremità dello scavo, che è stata riprogettata con base del braccio in fusione e punti di articolazione del pistone idraulico per una maggiore resistenza e longevità.

Costo totale di proprietà

Il 370X offre il monitoraggio in tempo reale di tutti i livelli dei liquidi sul display in cabina. La macchina beneficia inoltre di intervalli di manutenzione prolungati, con intervalli idraulici raddoppiati a 2.000 ore. La manutenzione del liquido di raffreddamento del motore è ora richiesta a 3.000 ore, mentre gli intervalli di sostituzione degli elementi del filtro dell’aria sono estesi fino a 2.000 ore. La macchina vanta tre modalità di lavoro per ottimizzare lo scavo, il sollevamento o il lavoro a basso regime. Sono inoltre di serie le funzioni Auto-Stop e Auto-Idle del motore, per ridurre il consumo di carburante al minimo, aumentando ulteriormente il TCO.

In primo piano

Articoli correlati

Bosch Rexroth e l’elettrificazione delle macchine off-highway

Negli ultimi anni stiamo assistendo a una fortissima spinta tecnologica nel settore off-highway e recentemente Bosch Rexroth ha mostrato una grande attenzione verso i temi della sostenibilità. In quest’ottica è nato il portafoglio eLion, pensato per semplificare l’elettrificazione delle macchine off...

Bobcat e il rifacimento delle pavimentazioni a San Pietro

Per l’intervento, che prevede la sostituzione dell’attuale pavimentazione in selciato, è risultato determinante l’escavatore Bobcat E55z, responsabile della rimozione in profondità dell’intera pavimentazione, dalla delicata operazione di estrazione dei blocchi di pietra fino al terreno sottostante....