La piattaforma di connettività ProConnect di ZF, che sarà presentata al Ces di Las Vegas, collega i veicoli con il cloud e l’infrastruttura stradale. La piattaforma è una delle prime del settore a soddisfare i requisiti di sicurezza più elevati. Il primo importante ordine da parte di un costruttore di veicoli internazionale è già attivo e il prodotto sarà in produzione di serie nel 2025. I visitatori del Consumer Electronics Show (Ces) a Las Vegas, Nevada, dal 5 all’8 gennaio 2023, avranno la possibilità di provare la tecnologia a bordo di una vettura dimostrativa dello specialista Hexagon, leader nel software e nella gestione dati nel campo della mobilità autonoma. 

Per l’implementazione di sistemi avanzati di assistenza alla guida – e in seguito per la guida autonoma – i veicoli dovranno essere in grado di connettersi con il mondo esterno in svariati modi. Dovrà essere scambiata una quantità enorme di dati – velocemente e in modo affidabile attraverso molte interfacce. La piattaforma di connettività ProConnect di ZF offrirà alle future generazioni di veicoli questa sofisticata capacità di connessione. La soluzione di comunicazione sarà ufficialmente svelata in occasione del Ces 2023. 

ZF ProConnect: componente chiave per i veicoli software-defined 

ZF ProConnect padroneggia standard di comunicazione quali il Dsrc (Dedicated Short-Range Communication), il C-V2X e il vehicle-to-everything (V2X), consentendo la comunicazione con l’infrastruttura stradale, come ad esempio i semafori. ProConnect è anche in grado di ricevere informazioni relative alla fine improvvisa di un ingorgo stradale dietro a una curva o di un’ambulanza in avvicinamento e avvisare il conducente. Il computer ad alte prestazioni ZF ProAI – il più potente supercomputer del settore automotive – processa i dati forniti da ProConnect, li combina con i dati dei sensori e altri dati provenienti dal veicolo, derivandone strategie di guida che utilizzano l’Intelligenza Artificiale, trasmettendole poi come azioni ai sistemi di attuatori. 

Interagendo con ProAI, ProConnect rappresenta un pezzo centrale del puzzle del veicolo software-defined – requisito di base per la mobilità del futuro e i modelli di business basati sui dati a essa legati. ZF ProConnect consente diversi servizi digitali: oltre agli aggiornamenti over-the-air, che possono costantemente aggiornare il software nel veicolo o espanderlo temporaneamente su richiesta, tali servizi includono dati cartografici ad alta risoluzione per le funzioni Adas di comfort in un sorpasso automatizzato, che richiede dati precisi sul posizionamento. 

Anche la trasmissione di dati diagnostici e provenienti dai sensori richiede connettività – ad esempio per segnalare al cloud condizioni stradali quali buche, umidità, neve o ghiaccio. Per i veicoli autonomi, giocano un ruolo importante servizi quali l’orchestrazione della gestione della flotta, l’interazione con le app dello smartphone (informazioni di servizio, tabelle orarie, etc), controllo remoto o persino comunicazione e interazione con i centri di controllo delle navette autonome. Servizi che possono essere realizzati solo attraverso un’affidabile connessione tra veicoli, per un comfort e una sicurezza maggiori. 

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati