Molti dei 20.000 edifici costruiti ogni anno a New York City si trovano in strade strette o congestionate, e gli appaltatori si sforzano di ridurre al minimo i disagi che portano al quartiere. A volte, c’è poco spazio anche per le gru a torre, ma, grazie alla potente affidabilità offerta da un motore Volvo Penta D5 e un sollevatore telescopico rotante Magni RTH 6.46, un’azienda ha trovato l’alternativa perfetta.

Lo spazio è prezioso e la velocità è essenziale”, spiega Mick Duffy, responsabile delle operazioni sul campo di Structure Tech, che è stato incaricato di costruire la struttura di 40 piani sulla 47a strada. “Versiamo un pavimento di cemento ogni tre giorni, una velocità incredibile rispetto ad altre città, ma questa è New York: tutto qui riguarda tempo e denaro”.

A differenza di una gru, il sollevatore telescopico rotante Magni Rth 6.46 può essere allestito in pochi minuti e spostato facilmente, combinando perfettamente mobilità e manovrabilità compatte con il suo status di sollevatore telescopico più alto al mondo. Sorprendentemente, può sollevare un massimo di 6 t, o 2,5 t a poco meno di 46 m, da dove una gru a ragno può distribuire i carichi ai piani superiori.

Il sollevatore telescopico viene utilizzato per sollevare di tutto, dai fogli di compensato alla pompa per calcestruzzo e riportare giù la spazzatura. Si stima che la Magni effettuerà circa 3000 sollevamenti nei 13 mesi di costruzione, incluso lo spostamento di un totale di 900 t di acciaio. Questo tipo di uso intensivo è tutt’altro che insolito per i sollevatori telescopici Magni, quindi quando si è trattato di scegliere un motore in grado di alimentare in modo affidabile l’Rth 6.46, i suoi ingegneri hanno subito pensato di collaborare con Volvo Penta.

Un motore perfettamente integrato 

L’Oem con sede a Modena, in Italia, ha lavorato a stretto contatto con Volvo Penta per sviluppare una soluzione che rispondesse alle sfide uniche della macchina, ovvero il raggiungimento di un buon equilibrio tra dimensioni e potenza. Producendo una coppia massima di 910 Nm a soli 1.410 giri/min e mantenendola fino alla sua potenza nominale di 160 kW (218 CV) a 2.300 giri/min, il motore industriale Volvo Penta D5 a 4 cilindri in linea da 5,1 litri si è imposto rapidamente come il primo candidato.

I sollevatori telescopici sono veicoli piuttosto piccoli e il rapporto di potenza specifico che il motore D5 di Volvo Penta è in grado di fornire consente a Magni di raggiungere i suoi obiettivi di prestazioni nonostante l’ingombro ridotto della macchina”, afferma Matteo Mambelli, Volvo Penta Italia.

Grazie alle dimensioni compatte del D5, risultanti da una ridotta richiesta di capacità di raffreddamento, gli ingegneri Volvo Penta e Magni hanno collaborato a stretto contatto per garantire che il motore Tad 572 VE Tier 4 Final fosse in grado di adattarsi agli stretti confini del vano motore e soddisfare i requisiti del mercato statunitense.

I loro sforzi hanno presto rivelato la necessità di inclinare il motore, creando ulteriori sfide, come garantire che le prestazioni e l’affidabilità rimanessero ottimali. Il periodo di prova è stato quindi esteso per confermare che il D5 avrebbe continuato a funzionare senza problemi in ogni condizione.

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Il primo webinar in vista di Samoter su elettrico, ibrido e idrogeno

La transizione energetica si farà insieme lavorando sul mix energetico: è quanto emerso il 26 gennaio 2023 dal primo dei cinque webinar in vista di Samoter organizzati in collaborazione con Vaielettrico dal titolo “Macchine da costruzione verso le emissioni zero obiettivo: elettrico, ibrido o idroge...