Per la precisione, 63 volte Bruno e Scania prenderanno postazione nelle caserme dei Vigili del Fuoco. Tante quanti sono i gruppi elettrogeni da 230 kVA motorizzati Scania che saranno destinati ai vari posti di comando regionali del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Questa fornitura incrementerà i numeri delle Colonne Mobili Regionali nelle strutture modulari di pronto impiego. Le strutture, mobilitate efficacemente e rapidamente da mezzi e uomini a seconda delle tipologie di rischio ricorrenti sul territorio nazionale, forniranno l’energia adeguata per rispondere alle situazioni di emergenza, come terremoti, alluvioni o disastri ambientali di vario genere.

Scania e Bruno: una relazione cominciata nel 2019

Correva l’anno 2019 e, guarda caso, il palcoscenico era quello del Bauma Monaco. Bruno Generators annunciò in quella sede l’agognata omologazione Stage V. All’interno dell’involucro i 13 litri in arancione, da 450 kVA. In questo caso, la soluzione proposta da Bruno si è rivelata quella più adatta a rispondere alle esigenze di prestazioni, affidabilità e assistenza avanzate dal Ministero. I gruppi elettrogeni, basati sulla gamma Stage V Scania, saranno dotati di sistema scarrabile con rulli di scorrimento a scomparsa. Una soluzione ingegneristicamente avanzata che consente al gruppo elettrogeno di essere rapidamente carrato o scarrato in condizioni di pronto impiego e senza subire deformazioni. Nello specifico, il motore scelto è il DC09 320A, 5 cilindri 9 litri common rail, nella taratura da 250 kVA. La consegna dei gruppi elettrogeni ai Vigili del Fuoco è prevista tra la fine del 2022 e gli inizi del 2023, tempistica che sarà rispettata grazie alla produzione verticale Scania per la quale la maggior parte dei componenti è prodotta internamente.

Affidiamoci alle parole di Genua, Bruno Generators

«Già dalle prime fasi della progettazione, la Bruno Generators ha scelto Scania come partner ufficiale per questa gara di appalto che richiedeva motori conformi alla normativa Stage V», dichiara Gianluca Genua, Direttore Commerciale Italia di Bruno Generators. «Tutti i 63 gruppi elettrogeni offriranno importanti vantaggi sia in termini di consumo di carburante, sia dal punto di vista ambientale, rispettando nello specifico i livelli di emissioni della normativa antinquinamento dell’Unione Europea», conclude Genua.

E a quelle di Carri, Italscania

«Siamo orgogliosi di aver contribuito al successo di questa gara di primaria importanza a livello nazionale. Questo senza dubbio è il risultato di un’eccellente sinergia con Bruno Generators in termini di sviluppo e progettazione», afferma Paolo Carri, Direttore Power Solutions di Italscania. «Scania rinnova l’impegno e il supporto al Corpo dei Vigili del Fuoco, fornendo una soluzione dai livelli di sicurezza e affidabilità senza eguali», conclude Carri.

In primo piano

Articoli correlati

La partnership tra Scania e Bruno Generators si espande in America

In occasione del Powergen International 2024 sono stati presentati 2 gruppi elettrogeni Tier4 Final di Tecnogen, azienda appartenente al gruppo italiano e operante in America. Frutto di uno sviluppo congiunto tra Scania e il Gruppo Bruno Generators, questi nuovi gruppi elettrogeni sono caratterizzat...