Sono soluzioni ispirate ai clienti, sia il trattore elettrico che quello a gas naturale liquefatto”. L’esternazione è di Scott Wine, Ceo di Cnh Industrial, che presentando il trattore elettrico New Holland T4, ha aperto le danze al primo Tech Day del Gruppo, dopo lo spin-off di Iveco e Fpt.

La location è il deserto dell’Arizona, una quarantina di minuti da Phoenix. E noi c’eravamo. Parole, quelle di Wine, che declinano il concetto di sostenibilità nelle forme e nei tempi della meccanizzazione agricola. “Si prevede che i ricavi di vendita netti del business Agriculture di Cnh Industrial per l’anno 2022 comprenderanno un contributo stimato di 900 milioni di dollari, attribuibile esclusivamente alle componenti di tecnologie di precisione. Nei prossimi due o tre anni prevediamo un tasso di crescita annuo medio di circa il 10% – 15% per tali componenti e per il 2023 stiamo puntando in maniera decisa a realizzare ricavi di vendite netti dalle componenti Precision Technology pari a circa 1 miliardo di dollari. Questi elementi includono la tecnologia contenuta nei prodotti finiti, i componenti per il retrofit ed i ricavi derivanti dalle vendite di Raven a terze parti“. 

New Holland e Cnh Industrial (il colosso industriale di cui fa parte) calano una mano di assi pesantissimi, nel solco di quella tanto agognata transizione energetica che ormai, da anni, sta convogliando gli sforzi di produttori, legislatori e operatori. Oltre all’annuncio di nuove collaborazioni e alla presentazione delle novità tecnologiche per l’agricoltura di precisione, nel corso del Tech Day svoltosi a Phoenix, sono state infatti svelate le ultime novità trattoristiche del brand. Tra cui spicca, senza dubbio, il New Holland T4 Electric Power. Ovvero il primo prototipo di trattore utility completamente elettrico, con funzionalità autonome.

Con una potenza massima erogata dal motore elettrico fino a 120 cavalli e una performante coppia massima fino a 440 Nm, il New Holland T4 Electric Power è frutto delle sinergie instauratasi tra gli sviluppatori e gli ingegneri americani (Burr Ridge, Detroit) e italiani (Modena) del gruppo che, per l’occasione, hanno collaborato anche con il team di Monarch Tractor, azienda californiana attiva nel campo dell’elettrificazione dei trattori, di cui Cnh Industrial figura tra i principali investitori. Il prototipo, tra l’altro, verrà esteso anche alle analoghe gamme commerciali di Case IH, altro brand parte del gruppo Cnh Industrial. Oltre al contributo fondamentale di Monarch si avverte però anche l’eco di Fpt Industrial, e così la sinergia con la britannica Potenza Technologies e la texana Microvast. Sistemi di controllo, mappatura dell’elettronica, chimica, stabilità degli impulsi, pacchi batterie: l’abbecedario della elettrificazione è patrimonio di competenza in house del Gruppo Iveco, che nonostante lo spin-off rimane un parente stretto e collaborativo di Cnh Industrial.

T4 Electric Power, primo tassello del futuro di New Holland

A seconda della tipologia di utilizzo, il pacco batterie del trattore garantisce fino ad un’intera giornata di funzionamento. Quando si utilizzano i sistemi di ricarica rapida disponibili in commercio, è sufficiente solo un’ora per raggiungere il 100% della potenza. Le prese elettriche del trattore supportano attività quotidiane in azienda, come saldare o trapanare.

Il nuovo utility, la cui produzione inizierà verso la fine del 2023, può fungere anche da generatore di energia di riserva per le esigenze quotidiane o di emergenza e fornisce energia per le attrezzature elettriche. Inoltre, possono essere utilizzati anche tradizionali attrezzi meccanici e idraulici e la presa di forza. Il mezzo verrà lanciato sul mercato con un sistema a doppia trazione (quindi con quattro ruote motrici), e sarà in grado di raggiungere una velocità di 40 km/h.

Un ninja (futuristico) tra i campi: tecnologia e silenziosità

Nelle prove, il T4 Electric Power ha dimostrato prestazioni eccellenti rispetto ad un trattore diesel convenzionale. La sua straordinaria risposta lo rende più prestante ed efficiente e consente un maggiore controllo della trazione. L’inversione e i cambi di marcia più fluidi rendono la guida ancora più piacevole. Si tratta di un mezzo in grado di ridurre i costi di gestione anche del 90%, grazie all’eliminazione delle spese per il gasolio e delle spese di manutenzione associate. Ed è anche silenzioso.

Il rumore è stato infatti ridotto fino al 90% e le vibrazioni sono notevolmente attenuate. In questo modo vengono rispettate le rigorose normative comunali sul rumore, così da consentirne l’utilizzo nelle ore notturne; viene anche tutelato il benessere del bestiame, soprattutto quando si lavora all’interno di aree coperte, quali le stalle.

L’automazione prima di tutto

Tuttavia, a rendere questo trattore una novità mondiale assoluta sono le sue funzionalità automatizzate e autonome. Insieme, queste tecnologie forniscono soluzioni all’avanguardia per supportare gli operatori con vari livelli di esperienza. Il tetto del T4 Electric Power alloggia sensori, telecamere e centraline di controllo che attivano le sue funzioni avanzate autonome e automatizzate.

Gli agricoltori possono attivare a distanza il trattore tramite un’app per smartphone. La modalità Shadow – Follow Me permette agli operatori di sincronizzare le macchine in modo che lavorino insieme. Un sistema di percezione a 360° gradi rileva ed evita gli ostacoli. I sistemi telematici e di guida automatica mantengono tutte le funzioni sotto il controllo dell’operatore. Le funzionalità di gestione della flotta permettono al gestore dell’azienda agricola di assegnare compiti a ogni singola macchina.

Il riconoscimento dell’attrezzatura assicura che il trattore si colleghi perfettamente all’attrezzo richiesto. Inoltre, i servizi digitali integrati consentono agli agricoltori di utilizzare il trattore da qualsiasi luogo, in qualsiasi momento, monitorandone le prestazioni e il livello di carica della batteria.

Il T4 Electric Power presenta il colore New Holland Clean Blue – lo stesso del nuovo T7 Methane Power Lng (Liquefied Natural Gas) lanciato al Tech Day. L’icona della foglia, simbolo del brand, illuminata ed anche inserita nelle luci posteriori caratteristiche, lo distingue esteticamente dai trattori diesel convenzionali. Tutte le livree delle nuova gamme di trattori sostenibili sono state curate dal Team di Industrial Design di Cnh Industrial.

Scott W.Wine, il Ceo di Cnh Industrial mentre illustra le strategie del gruppo

Il commento

Il T4 Electric Power è la soluzione ideale per operazioni che richiedono una bassa potenza. È adatto per aziende agricole miste, zootecniche, frutticole, per le municipalità, e per le applicazioni specialistiche. Sappiamo che i nostri clienti sono impazienti di adottare questa tecnologia ed è quindi naturale proseguire il nostro percorso verso l’elettrificazione agricola su questa piattaforma”, ha commentato Marc Kermisch, Chief Digital & Information Officer, Cnh Industrial.

Il T4 Electric Power va ad aggiungersi ai trattori New Holland T7 Methane Power Lng e T6 Methane Power, arricchendo un portfolio di prodotti alimentati da fonti energetiche alternative, a dimostrazione dell’impegno di CNH Industrial per il progresso sostenibile dell’agricoltura, a favore degli agricoltori di tutto il mondo.

In primo piano

Le scelte sostenibili di AS Labruna

In occasione del Metstrade a novembre, abbiamo fatto una chiacchierata con Massimo Labruna, Ceo di AS Labruna, sui nuovi prodotti, allargando poi il discorso alle scelte che l’azienda ha intrapreso in direzione di una sempre maggiore sostenibilità.

Benvenuta, POWERTRAIN!

DIESEL cambia nome: da gennaio si chiamerà POWERTRAIN. Ciò non significa cancellare la parola diesel dalla nostra agenda e dalle nostre priorità, ma rispecchia la volontà della rivista (e del sito) di accompagnare i lettori nell’affascinante fase a cui stiamo assistendo, quella della transizione ene...

Articoli correlati

Cnh Industrial e Lavazza per i coffee harvester del futuro

Dal 16 gennaio fino al 13 febbraio la Nuvola Lavazza di Torino accoglierà i visitatori con l’esposizione dei coffee harvester del futuro, realizzati dai diciotto studenti del Master in Transportation Design Ied. Nati dalla collaborazione con Cnh Industrial e Lavazza Group, i progetti di advanced des...