I nuovi incentivi tedeschi favoriscono le fonti alternative (e anche Iveco)

In Germania sono previsti per il prossimo futuro importanti incentivi per lo sviluppo della rete di veicoli a basso impatto ambientale, e Iveco è pronta a dare il proprio contributo. L’annuncio è del Ministero Federale Tedesco dei Trasporti e delle Infrastrutture Digitali, ed è sintomatico della volontà di usare il gas naturale come risorsa contro l’inquinamento. Solo nel 2018, il Ministero ha già investito 10 milioni di euro in una strategia da portare avanti almeno fino al 2020. Obiettivo degli incentivi è soprattutto il settore del trasporto pesante di merci, ossia relativo ai camion sopra le 7 tonnellate.

Iveco

Nello specifico, parlando degli incentivi, si tratta di 8.000 euro per i veicoli CNG e 12.000 euro per i veicoli LNG. Ogni azienda ha un tetto massimo di 500.000 euro. A pieno regime di funzionamento, gli incentivi favoriranno anche il sistema di infrastrutture. Infatti, l’acquisto di circa 40/60 veicoli (per azienda) a gas naturale sarà la leva per investire anche nelle stazioni di rifornimento. Inoltre, al di là dell’alimentazione a gas naturale, il programma punta a investire anche nel settore delle tecnologie elettriche.

Iveco e il gas naturale, Germania ma non solo

Andreas Scheuer, Ministro Federale dei Trasporti e delle Infrastrutture Digitali, ha fatto una dichiarazione subito dopo l’annuncio. «Vogliamo aiutare gli operatori della logistica a passare a camion ecologici. Si tratta di un cambiamento vantaggioso da ogni punto di vista da cui potranno trarre beneficio le aziende di trasporto, le persone che risiedono lungo strade particolarmente trafficate e, naturalmente, l’ambiente nel suo complesso».

Iveco è già impegnata su altri fronti nell’ambito dei veicoli alimentati a CNG e LNG. È il caso per esempio di Perrenot (Francia) e del suo parco di camion Iveco Stralis NP. La compagnia fornisce soluzioni sostenibili a clienti come Carrefour, Casino e Auchan. O ancora Transports P. Mendy, sempre francese, che lavora con Michelin e Intermarché. In Italia, ci sono LC3 con LIDL e IKEA e Maganetti per Nestlé Waters.

ANCHE IN GIAPPONE CON STRALIS NP 400 E DAILY

Iveco, strategia vincente

Pierre Lahutte, Iveco Brand President, ha affermato: «L’annuncio del Ministero è un’ulteriore conferma della validità della strategia Iveco per il futuro del settore dei trasporti. Qui, la trazione a gas naturale, già oggi, rappresenta una tecnologia matura in grado di offrire una soluzione praticabile e redditizia. Iveco ha già visto un rapido aumento della domanda di camion Natural Power. Ciò è dovuto al sempre maggior numero di operatori internazionali di logistica che scelgono il gas naturale per convertire il loro parco veicoli e raggiungere gli standard di sostenibilità che desiderano per le loro operazioni. La Germania è un importante crocevia nella rete di trasporti stradali. Questo programma di finanziamento aiuterà quindi anche a velocizzare lo sviluppo dell’infrastruttura di rifornimento».

Iveco

In primo piano

Articoli correlati

Scania fonda Erinion, un’azienda di soluzioni di ricarica

Scania annuncia oggi di aver fondato Erinion, una nuova società specializzata in soluzioni di ricarica private e semi-pubbliche. La mossa strategica vedrà l’installazione di 40.000 nuovi punti di ricarica presso le sedi dei clienti e rafforzerà l’offerta di e-mobility del Gruppo Scania nel futuro ec...